SALUTE

Autismo, a L’Aquila diagnosi nei primi 24 mesi di vita

Al San Salvatore 82% di utenti da altre Asl d’Abruzzo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4197

Autismo, a L’Aquila diagnosi nei primi 24 mesi di vita

Autismo, a L’Aquila diagnosi nei primi 24 mesi di vita
Al San Salvatore 82% di utenti da altre Asl d’Abruzzo
Autismo, salute, l’aquila, abruzzo, marco valenti
L’AQUILA. Quindici anni fa l’autismo, in Abruzzo, si diagnosticava a 6 anni, oggi, già a 2, si può formulare un preciso sospetto diagnostico, grazie alla struttura che in Regione ha fatto da apripista, vale a dire il Centro di riferimento regionale della malattia che si trova all’ospedale di L’Aquila. 
Tra i punti di forza del Centro per l’autismo del S. Salvatore, diretto dal professor Marco Valenti, vi è la diagnosi precoce, a partire dall'osservazione nei primi 24 mesi di vita. Scoprire la malattia agli ‘albori’ della parabola vitale del bimbo,  infatti, è decisivo per il percorso terapeutico e quindi per il recupero del soggetto. La diagnosi fin dalla più bassa età d’esordio della patologia è diventata, ormai da anni,  uno dei punti qualificanti dell’intera attività del Centro aquilano, grazie a una serie di test e procedimenti clinici che con gli anni (a partire dall’ istituzione del Servizio all’Aquila, nel 1997) sono diventati sempre più efficaci, sensibili e specifici. 
«Le evidenze scientifiche», spiega Valenti, «dimostrano che una diagnosi precoce determina un sostanziale miglioramento non solo del quadro evolutivo ma anche della qualità di vita del bambino e della famiglia. Seguire sin dalla più tenera età il caso clinico, risulta determinante anche in età adolescenziale o adulta, per ridurre al minimo le situazioni di forte dipendenza verso la famiglia».  
L’AQUILA CROCEVIA: METÀ UTENTI DA TERAMO, 20% DA CHIETI, 9% PESCARA. 
Oggi il Centro di riferimento regionale per l’autismo di L’Aquila – che, oltre alla diagnosi, cura il  trattamento riabilitativo e la consulenza clinica – è il crocevia per le altre Province abruzzesi: 3 utenti su 4 sono di altre Asl regionali, equivalenti a circa 375 soggetti sui 500 complessivamente analizzati, ogni anno, in fase di accertamento della malattia.
Diagnosi effettuata in day hospital, al termine di alcuni giorni di osservazione del bambino.  Nel 2013 il 18% dei pazienti, gestiti appunto in day-hospital, proveniva dal territorio della ASL Avezzano-Sulmona-L’Aquila mentre  l’82% dalle altre aziende sanitarie abruzzesi. Grande afflusso, in particolare, da Teramo (45%), area in cui non esistono specifici servizi territoriali dedicati; ma i flussi sono molto significativi anche da Chieti (21%) e Pescara (9%), dove pure, in entrambi i territori, esistono servizi territoriali e una solida rete specializzata nell'autismo. 
Ciononostante, la scelta è ricaduta  su L’Aquila, a conferma dell’efficienza del servizio garantito. Oltre i confini regionali, le cifre sono: 4% da Ascoli, 2% dal Molise e 1% da altre realtà. 
«Questi dati di attrattività della struttura sono da considerarsi straordinari rispetto allo standard», commenta il professor Valenti.
Ogni anno, su 500 day-hospital, a seguito di verifiche, sono circa 350 gli utenti tra conferme della malattia, follow up diagnostico (cioè i controlli eseguiti periodicamente) o nuovi casi.  L'attività di day-hospital riguarda utenti in età evolutiva, ma il Centro di riferimento regionale, nell'ambito del Dipartimento di Salute Mentale diretto dal dott. Vittorio Sconci, coordina e segue i progetti riabilitativi di numerosi utenti con autismo in età adulta o in transizione dall'adolescenza.  Lo staff clinico del Centro del S. Salvatire si compone, oltreché del direttore Valenti, di tre medici (coordinati dalla dottoressa Chiara Di Giovanni) e di alcuni borsisti psicologi e terapisti. 
L’AQUILA. Quindici anni fa l’autismo, in Abruzzo, si diagnosticava a 6 anni, oggi, già a 2, si può formulare un preciso sospetto diagnostico, grazie alla struttura che in Regione ha fatto da apripista, vale a dire il Centro di riferimento regionale della malattia che si trova all’ospedale di L’Aquila. Tra i punti di forza del Centro per l’autismo del S. Salvatore, diretto dal professor Marco Valenti, vi è la diagnosi precoce, a partire dall'osservazione nei primi 24 mesi di vita. Scoprire la malattia agli ‘albori’ della parabola vitale del bimbo,  infatti, è decisivo per il percorso terapeutico e quindi per il recupero del soggetto. La diagnosi fin dalla più bassa età d’esordio della patologia è diventata, ormai da anni,  uno dei punti qualificanti dell’intera attività del Centro aquilano, grazie a una serie di test e procedimenti clinici che con gli anni (a partire dall’ istituzione del Servizio all’Aquila, nel 1997) sono diventati sempre più efficaci, sensibili e specifici. «Le evidenze scientifiche», spiega Valenti, «dimostrano che una diagnosi precoce determina un sostanziale miglioramento non solo del quadro evolutivo ma anche della qualità di vita del bambino e della famiglia. Seguire sin dalla più tenera età il caso clinico, risulta determinante anche in età adolescenziale o adulta, per ridurre al minimo le situazioni di forte dipendenza verso la famiglia».  

L’AQUILA CROCEVIA: METÀ UTENTI DA TERAMO, 20% DA CHIETI, 9% PESCARA 

Oggi il Centro di riferimento regionale per l’autismo di L’Aquila – che, oltre alla diagnosi, cura il  trattamento riabilitativo e la consulenza clinica – è il crocevia per le altre Province abruzzesi: 3 utenti su 4 sono di altre Asl regionali, equivalenti a circa 375 soggetti sui 500 complessivamente analizzati, ogni anno, in fase di accertamento della malattia.Diagnosi effettuata in day hospital, al termine di alcuni giorni di osservazione del bambino.  Nel 2013 il 18% dei pazienti, gestiti appunto in day-hospital, proveniva dal territorio della ASL Avezzano-Sulmona-L’Aquila mentre  l’82% dalle altre aziende sanitarie abruzzesi. Grande afflusso, in particolare, da Teramo (45%), area in cui non esistono specifici servizi territoriali dedicati; ma i flussi sono molto significativi anche da Chieti (21%) e Pescara (9%), dove pure, in entrambi i territori, esistono servizi territoriali e una solida rete specializzata nell'autismo. Ciononostante, la scelta è ricaduta  su L’Aquila, a conferma dell’efficienza del servizio garantito. Oltre i confini regionali, le cifre sono: 4% da Ascoli, 2% dal Molise e 1% da altre realtà. «Questi dati di attrattività della struttura sono da considerarsi straordinari rispetto allo standard», commenta il professor Valenti.Ogni anno, su 500 day-hospital, a seguito di verifiche, sono circa 350 gli utenti tra conferme della malattia, follow up diagnostico (cioè i controlli eseguiti periodicamente) o nuovi casi.  L'attività di day-hospital riguarda utenti in età evolutiva, ma il Centro di riferimento regionale, nell'ambito del Dipartimento di Salute Mentale diretto dal dott. Vittorio Sconci, coordina e segue i progetti riabilitativi di numerosi utenti con autismo in età adulta o in transizione dall'adolescenza.  Lo staff clinico del Centro del S. Salvatire si compone, oltreché del direttore Valenti, di tre medici (coordinati dalla dottoressa Chiara Di Giovanni) e di alcuni borsisti psicologi e terapisti.