PERSONALITA'

Imprenditori, una docente e un giudice: ecco gli ambasciatori abruzzesi nel mondo

Giovedì la premiazione a Sulmona

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2413

Imprenditori, una docente e un giudice: ecco gli ambasciatori abruzzesi nel mondo

Di Pangrazio




SULMONA. Si terrà giovedì, nel Teatro “Maria Caniglia” alle 17.30, la cerimonia di premiazione degli “Ambasciatori d’Abruzzo nel mondo – 2014”.
L’onorificenza, istituita con una legge regionale del 2011, viene attribuita dalla Presidenza del Consiglio della Regione Abruzzo a quelle persone, di origine abruzzese, che si siano particolarmente distinte all’estero o in altre regioni, per meriti accademici, culturali, politici, sociali e professionali, conferendo lustro alla propria terra d’origine.
Anche quest’anno è spettato alla Conferenza dei Capigruppo il compito di individuare e formulare le proposte sulle candidature.
Sarà il presidente del Consiglio Regionale Giuseppe di Pangrazio a fare gli onori di casa ai magnifici cinque abruzzesi che si sono particolarmente distinti nel mondo quest’anno.
Il riconoscimento sarà attribuito a Maurizio Gentile (amministratore delegato della Rete Ferroviaria Italiana), Roberto Zecchino (direttore delle risorse umane e organizzazione Bosch Italia), Maria Rita D’Orsogna (docente universitaria nel dipartimento di matematica della California State University), Dominick Salvatore (economista USA) e Antonio Reggi (giudice di pace in Australia).
Per quanto riguarda Maria Rita D’Orsogna nei giorni scorsi Di Pangrazio ha sottolineato che la docente (la cui candidatura è stata avanzata dal Movimento 5 Stelle) non è stata scelta per il suo impegno anti trivelle ma per il suo impegno professionale nelle università mondiali.
Ma i grillini quando l’hanno candidato hanno pensato non solo alla sua carriera di ricercatrice nel campo della statistica meccanica ma anche «all’impegno profuso, con passione e dedizione assoluta nella tutela e difesa del territorio abruzzese, continuando ad essere parte attiva, anche attraverso le esperienze e le conoscenze maturate all’estero, nella lotta contro la distruzione ambientale».

La professoressa, comunque, giovedì non sarà a Sulmona a ritirare il premio per motivi di lavoro. Come aveva già spiegato nei giorni scorsi dalla Regione è stata avvertita solo il 16 settembre scorso, sebbene una lettera-invito fosse stata firmata il 29 agosto. Ma questa missiva è arrivata nelle mani della docente (in fotocopia)solo una settimana fa. Troppo poco, ha spiegato la diretta interessata, per organizzare la trasferta.
Parteciperanno alla cerimonia Giovanni Legnini neo componente del Consiglio superiore della Magistratura, Gianni Pittella presidente del gruppo S&D al Parlamento Europeo, Luciano D’Alfonso presidente della Giunta regionale d’Abruzzo, Donato Di Matteo Assessore regionale al lavoro e Giuseppe Ranalli sindaco di Sulmona.
Per il presidente Di Pangrazio questa cerimonia: «è la giusta onorificenza attribuita agli abruzzesi che meglio rappresentano la nostra Regione nel mondo e che giustamente possono fregiarsi del titolo di Ambasciatori d’Abruzzo. Occasione anche per rinsaldare il rapporto con le comunità di abruzzesi che vivono all’estero da celebrare nella Città di Sulmona e nella Valle Peligna culla della cultura e dove, in passato, il fenomeno dell’emigrazione e’ stato molto marcato».
L’anno passato il riconoscimento venne consegnato agli imprenditori Rocco Colanzi (Bolivia) e Pierluigi Zappacosta(USA) ed agli attori Federica Di Martino e Gabriele Cirilli.
L’evento costerà alle casse della Regione poco meno di 1200 euro: come emerge dagli atti del Consiglio regionale è stata impegnata la somma di 500 euro per il servizio di fornitura brindisi con offerta di prodotti tipici della Valle Peligna per 250 persone, 455 euro per le targhe (91 euro l’una compreso l’astuccio blu lusso) e 217,77 euro per il servizio di stampa di 300 brochure e 60 manifesti.