IL FATTO

Abruzzo. Orso trovato morto nelle campagne di Pettorano sul Gizio

Sarebbe un esemplare maschio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3236

Abruzzo. Orso trovato morto nelle campagne di Pettorano sul Gizio




PETTORANO SUL GIZIO. Sarebbe maschio e sarebbe stato avvelenato. Per ora sono questi i dati sul ritrovamento di una carcassa di orso trovata a Pettorano sul Gizio.
Non è l’orsa Daniza, molto più famosa, ma la morte degli orsi in Abruzzo per mano dell’uomo è diventato un problema la cui soluzione non è più rinviabile. La segnalazione è partita questa mattina quando alcuni passanti hanno visto quel che rimaneva dell’orso nei pressi di una stradina ciclabile nelle campagne di Pettorano, a poche centinaia di metri dalla frazione di Valle Larga.
Sul posto sono subito accorsi i veterinari del Parco d'Abruzzo, Lazio e Molise ed i responsabili della Riserva Monte Genzana, che stanno procedendo a una prima ricognizione per stabilire le cause del decesso.
«Stiamo verificando l'identità dell'animale», ha detto il direttore del Parco, Dario Febbo.
Per ora sembrano verificate alcune informazioni.
Intanto la causa della morte sarebbe dovuta a veleno. Da una prima ricognizione fatta sul plantigrado fatta dal Corpo Forestale sarebbero evidenti i segni di questa prima ipotesi. L'orso non è stato ancora identificato, anche se pare sia un maschio.
Proprio ieri nella stessa zona era stato segnalato un orso che era entrato in un pollaio dove era stato sorpreso dall'allevatore, che, per allontanarsi dall'animale, aveva sbattuto la testa, perdendo i sensi. In molti avevano creduto di individuare l’esemplare in “Peppina” l’orsa che è stata vista spesso nei giorni precedenti nelle campagne. Per il momento invece si esclude che possa essere lei anche perché la morte risalirebbe ad alcuni gironi fa.

APERTA INCHIESTA

Gli agenti del Nucleo investigativo di polizia ambientale e forestale (Nipaf) dell'Aquila, diretti da Renato Rampini, hanno provveduto a rimuovere la carcassa dell'orso marsicano di pochi anni.

L’animale è stato trovato a poca distanza dal luogo in cui avrebbe trascorso la notte, vicino ad un torrente. Tutta la zona e' stata transennata dagli investigatori per permettere domani un sopralluogo con i cani antiveleno in dotazione al Corpo, alla ricerca di eventuali bocconi avvelenati. La carcassa e' stata sequestrata e martedi' sara' trasferita a Grosseto, luogo in cui verranno eseguiti esami autoptici. Sul luogo in cui il giovane orso e' stato rinvenuto e' intervenuto anche il medico veterinario di Pescara, Luca Brugnola. Gli investigatori del Nipaf nelle prossime ore depositeranno presso la Procura della Repubblica di Sulmona una notizia di reato nella quale a carico di ignoti e' stato ipotizzato il reato di uccisione di animale.

GIÀ QUATTRO ORSI MORTI IN PARCO NAZIONALE ABRUZZO NEL 2014

Sono quattro gli orsi trovati morti nel 2014 all'interno del Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise (Pnalm). - 14 marzo - in località Sperone di Gioia dei Marsi (L'Aquila) un'orsa viene soccorsa dal servizio veterinario del Parco nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise, ma muore poche ore dopo; si scoprirà successivamente che era affetta da tubercolosi bovina. - 9 giugno - a Pescasseroli (L'Aquila), in località Prato Cardoso, viene trovata la carcassa di un orso di 15 anni, esemplare maschio conosciuto con il nome Ferroio; - 29 agosto - a Settefrati (Frosinone), paesino della Valcomino, muore un cucciolo di orso, una femmina di circa sette mesi. - 12 settembre - a Pettorano sul Gizio (L'Aquila) un ciclista del posto scopre la carcassa di un esemplare maschio di orso nelle campagne della zona; dai primi accertamenti sembra che l'animale sia stato avvelenato. 

GLI ALTRI I PRECEDENTI

Questi alcuni degli eventi degli ultimi anni: 2 ottobre 2007: tre orsi marsicani vengono trovati morti nel Parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise (Pnalm). Sono Bernardo, la sua compagna e un orso più piccolo. Si presume avvelenamento. 9 maggio 2008: una femmina di orso marsicano trovata morta per lesioni traumatiche vicino a Lecce dei Marsi (L'Aquila), nella zona di protezione esterna del Pnalm.
12 agosto 2008: trovati vicino a San Biagio (Frosinone) i resti dell'orso Nestore, di circa 10 anni, che nel 2006 aveva perso il radiocollare con cui veniva monitorato. 8 giugno 2010: due orse, una adulta e una di 18 mesi, trovate morte a Villavallelonga (L'Aquila), zona di protezione esterna del parco Nazionale d'Abruzzo. La piccola era caduta in una vasca d'acqua piovana e la madre aveva tentato di soccorrerla.
17 gennaio 2012: muore orso marsicano di 9 anni, forse per malattia virale. Era stato recuperato il giorno prima nel Parco regionale Sirente-Velino. 25 aprile 2013: sull'autostrada A24 un orso marsicano fra i 3 e 4 anni muore dopo essere stato investito da un'auto vicino a Tornimparte (L'Aquila). L'incidente è molto lontano dal Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise, ai margini del Parco regionale Sirente Velino e presso la Riserva Naturale della Duchessa, al confine tra Abruzzo e Lazio.
6 ottobre 2013: un orso marsicano trovato morto nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise (Pnalm) per presunto avvelenamento. 24 ottobre 2013: muore durante l'intervento chirurgico tentato per salvarla un'orsa investita il giorno prima a Villalago (L'Aquila).