LA NOTIZIA

Abruzzo. Capodogli morti a Vasto… e subito si pensa al petrolio: «colpa dell’air gun?»

Il triste spettacolo ha fatto scatenare subito la ricerca sulle possibili cause

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3833

Abruzzo. Capodogli morti a Vasto… e subito si pensa al petrolio: «colpa dell’air gun?»




VASTO. Un evento di sicuro molto raro e che forse non si ricordava a memoria d’uomo. Sette capodogli (non uno solo) si sono spiaggiati a Vasto. Per ora 3 sono morti e quattro a fatica sono stati allontanati dalla battigia e si spera possano prendere il largo.
La domanda centrale ovviamente è : come mai tutto questo è accaduto? C’entra forse l’uomo ed i suoi sempre più numerosi interventi sull’ecosistema? Domande a cui finora si possono solo dare risposte “probabili” ma non certe.

In particolare uno dei capodogli presentava delle ferite ed aveva in bocca una rete da pesca. Potrebbe essere questa la causa dello spiaggiamento?
Il presidente D’Alfonso ha fatto sapere che sta adoperando per gestire  sia  l’emergenza sia per capire le motivazioni e le concause dell’accaduto.

Secondo Sandro Marzariol, coordinatore della task force del ministero dell'Ambiente che opera in questi casi, il Cert (Cetaceans Emergency Response Team), «è probabile che i capodogli si siano persi nel mar Adriatico: non e' un fenomeno frequente, dal 1500 a oggi abbiamo contato una decina di casi, l'ultimo nel 2009. Faremo l'autopsia dei cetacei morti per capire i motivi del decesso».
«Si orientano con il sonar - ha detto - ed e' plausibile che il segnale inviato in corrispondenza della spiaggia di Punta Penna sia stato assorbito e non restituito, facendo perdere il senso dell'orientamento ai cetacei. Le operazioni di salvataggio sono molto difficili perche' una volta spiaggiati le possibilita' di salvataggio sono molto poche, si tratta di animali tra i 5 e i 10 metri di lunghezza, dal peso di circa una tonnellata. Faremo un'autopsia dei cetacei morti, per indagare le cause del decesso, se dipendono da fattori interni, come supponiamo e come i precedenti spiaggiamenti ci portano a pensare, o da agenti esterni. Per i risultati occorrera' un anno, sono animali molto grandi e poco conosciuti».

«Si tratta - ha spiegato il contrammiraglio Luciano Pozzolano - di un episodio particolare, ma la presenza di questi animali dimostra però che il mare Adriatico sta tornando in salute. Erano anni che tali avvenimenti non accadevano dalle nostre parti. Si tratta di situazioni però già monitorate dai nostri uomini perché risulta che i capidogli fossero stati avvistati nei giorni scorsi lungo le coste croate».


Sta di fatto che uno spettacolo del genere ha fatto scatenare nuovamente chi è da sempre contrario ad interventi invasivi e “risolutivi” della storica vocazione naturale della regione.

L’assessore Mazzocca invita a «riflettere sull’utilizzo delle nostre coste» e anche la senatrice Pezzopane nel suo primo commento ha dichiarato che ora bisogna «ripensare al petrolio», probabilmente intendendo  come evitare di costruire nuovi pozzi.
Anche il consigliere regionale Pietro Smargiassi si produce in una ipotesi sulle possibili cause dopo essere stato sul luogo.
 «Si tratta di un evento fuori dal comune che assomiglia a un fenomeno, di proporzioni ancora più tragiche, avvenuto nel 2008 in Madagascar: oltre cento balene si spiaggiarono sulle coste del nord est dell'isola. A 50 chilometri di distanza», ricorda il consigliere M5s, «la Exxon-Mobit aveva eseguito operazioni di air-gun, una tecnica sismica di riflessione impiegata per individuare giacimenti petroliferi. Senza andare geograficamente così lontani, ricordo i sette capodogli spiaggiati e morti a Peschici nel dicembre del 2009 e, sempre in provincia di Foggia, il recentissimo episodio del piccolo delfino arenato a Marina di Lesina lo scorso 27 agosto. Come spiega la prof. Maria Rita D'Orsogna, l'air-gun consiste in “spari fortissimi e continui, ogni 5 o dieci minuti, di aria compressa che mandano onde riflesse da cui estrarre dati sulla composizione del sottosuolo. Spesso, però, questi spari sono dannosi al pescato, perché possono causare lesioni ai pesci, e soprattutto la perdita dell’udito”. Ecco cosa sta succedendo anche nel nostro mare Adriatico, con la petrolizzazione di Ombrina Mare e Rospo Mare».

Certezze come detto non ce ne sono aggiunge Smargiassi «ma da semplici cittadini ci sembra legittimo avere il dubbio che esista un collegamento fra la petrolizzazione e uno spiaggiamento così anomalo di cetacei, che come è noto usano un sistema di ecolocalizzazione basato sui suoni per orientarsi».
Di certo i capodogli di Punta Penna facevano parte di un gruppo di cetacei noto e monitorato e allora sorgono ulteriori domande: possibile che nessuno si sia accorto della loro perdita di rotta? Non si poteva fare nulla per impedire la morte dei capodogli?
«La responsabilità di quanto avvenuto a Punta Penna investe tutta la classe politica, nessuno può sentirsi escluso», conclude Smargiassi, «è quindi opportuno cogliere questa triste occasione per invitare tutte le parti politiche a confrontarsi e collaborare per fermare l'avanzata delle trivelle nell'Adriatico, in modo da prevenire i danni all'ambiente e alla sua fauna (danni che presto o tardi si riversano anche su noi esseri umani), invece di essere costretti a intervenire a posteriori e in modo emergenziale, quando il guaio è già fatto ed è troppo tardi, come sta succedendo oggi a Punta Penna».

Il sindaco di Rocca S. Giovanni, Giovanni Di Rito(Udc), ripropone la sua contrarietà alle trivelle. «Ma scherziamo - dice Di Rito - sono stato sempre in trincea contro questa eventualità e non cambio idea, lo sarò sempre. A differenza del Pd che predica bene e ruzzola male. E' una cosa assurda pensare al petrolio che è un danno per la nostra Costa. Bisogna continuare a mettere in atto ogni iniziativa per evitare la petrolizzazione».

 Per il sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio, « A prescindere dall'episodio dei capodogli bisogna essere assolutamente immuni da ogni progetto di trivellazione del nostro mare, come più vote ribadito. Vogliamo che in Abruzzo non vi siano questi tipi di insediamenti».

«È un vero e proprio grido d’allarme, gravissimo in un bacino chiuso e di piccole dimensioni, che», commenta il delegato regionale Wwf per l’Abruzzo Luciano Di Tizio, - dovrebbe indurci a rivedere profondamento il nostro atteggiamento nei confronti del mare Adriatico. Il nostro pensiero, anche se è chiaramente da confermare, – sottolinea Fabrizia Arduini, referente energia per il WWF Abruzzo - va all'intensa attività di ricerca geosismica attraverso l'air-gun da parte delle compagnie petrolifere, attualmente utilizzato soprattutto sulle coste dell'altra sponda dell’Adriatico. L'air-gun è una pratica che per l'intensità di suono prodotto nel sottofondo marino diviene micidiale per i cetacei e non solo, come dimostra una ampia letteratura a riguardo».