PROGETTO CONTESTATO

Duna Pescara, caso chiuso: progetto definitivamente cancellato

Con i soldi stanziati lavori per allagamenti, fossi, manutenzione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1825

Duna Pescara, caso chiuso: progetto definitivamente cancellato




PESCARA. Adesso è proprio ufficiale, non è solo una volontà politica ma ci sono anche le carte che lo certificano. E’ stato revocato il progetto della duna.
I lavori programmati da Mascia sulla riviera sud, da 1,4 milioni di euro ruotavano attorno alla realizzazione della duna. Un passaggio che in parte si sarebbe dovuta sviluppare in forma interrata con un tunnel di collegamento per il passaggio delle auto, e in parte in superficie, separando in maniera netta il percorso carrabile da quello destinato ai pedoni e ai ciclisti. La duna sulla carta era interamente ricoperta di verde, creando così, senza soluzione di continuità, un collegamento tra la Riserva naturale dannunziana e il lungomare, con un passaggio dall’erba alla sabbia.
Nei giorni scorsi si è concluso il procedimento amministrativo che ha portato il dirigente comunale competente ad assumere la determinazione di revoca del progetto. «Un’opera molto contrastata in città», commenta oggi Enzo Del Vecchio, grande oppositore dell’iniziativa dell’ex giunta Mascia, «e che ha visto dapprima il consiglio Comunale e poi la Giunta attuale assumere indirizzo per evitare di riversare ancora altro denaro pubblico in opere di dubbia utilità».
Ieri la Giunta ha preso atto del definitivo provvedimento di revoca e ha formulato uno specifico indirizzo alla Struttura tecnica comunale, affinché la risorsa finanziaria relativa sia indirizzata ad «opere prioritarie di cui la città ha certamente più bisogno in questo momento».

I fondi disponibili, pari a 1.290.000 euro, sono stati così indirizzati: 1 milione di euro andranno destinati al completamento del Piano anti-allagamento del sistema fognario di Pescara Sud, ovvero, quello in corso di realizzazione su via Marconi, viale Pindaro, via Plauto e aree limitrofe, che contempla anche la pulizia di parte del Fosso Bardet su via Pepe. Per quanto riguarda i restanti 290.000 euro, verranno utilizzati per affrontare le criticità riguardanti il sottopasso Fontanelle, per la messa in sicurezza della passerella pedonale lato sud di Piazza Salotto, per la bonifica di alcune coperture di strutture comunali.
«Un elenco, quest’ultimo, parziale e non esaustivo delle tante, troppe criticità di cui dobbiamo farci carico al fine di evitare gravi ripercussioni nei confronti della nostra comunità», avverte Del Vecchio.
La questione avrà però sicuramente anche altri strascichi. Già a fine luglio, infatti, il presidente della Confindustria di Chieti Paolo Primavera, titolare dell’impresa Cogepri che si era aggiudicata l’appalto per i lavori, aveva annunciato una richiesta di risarcimento danni.
Inoltre il centrodestra sarebbe intenzionato a presentare un esposto alla Corte dei Conti. Secondo gli azzurri, infatti, la decisione di cancellare il progetto «non trova alcuna giustificazione logico-giuridica ma si basa solo sulla volontà politica di bloccare un’idea progettuale della precedente giunta».

COMUNE PESCARA. PROGETTO RIVIERA SUD E DUNA