LE ALIQUOTE

Tasse a Chieti, Di Primio punta tutto su esenzioni e sgravi. Approvate riduzioni

«Il centrosinistra non ha votato, non vuole bene alla città»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3772

Tasse a Chieti, Di Primio punta tutto su esenzioni e sgravi. Approvate riduzioni

Umberto Di Primio




CHIETI. La maggioranza di centrodestra ha approvato in Consiglio Comunale, senza il voto dell’opposizione, le riduzioni e le esenzioni delle tasse comunali in favore delle famiglie, delle ditte e delle imprese della città.
«Il centrosinistra, d’altronde», commenta il sindaco Umberto Di Primio, «ha dimostrato ancora una volta di non avere a cuore il bene dei cittadini e invece di sostenere con il centrodestra la riduzione delle tasse, fino ad ora, dove amministra, ha pensato solo ad aumentarle, bastino come esempi le città di Pescara e Lanciano. Devo, dunque, il mio ringraziamento a tutti i consiglieri di maggioranza che, compatti, hanno dimostrato che gli unici interessi del centrodestra sono Chieti e i suoi cittadini».

IMU, CONFERMATE AGEVOLAZIONI
Il Comune di Chieti, per quanto riguarda l’IMU conferma le agevolazioni dello scorso anno (riduzione allo 0,8%, per le attività economico-commerciali-professionali del centro storico; riduzione allo 0,76% per le unità immobiliari utilizzate dalle Onlus).
Inoltre è stata introdotta la riduzione allo 0,9% (nel 2013 l’aliquota era 1,6%) per le unità immobiliari adibite ad abitazione principale concesse ai parenti di primo grado e la rivisitazione delle rendite e abbassamento allo 0,76% (nel 2013 l’aliquota era all’1,6%)per le aree edificabili ricomprese nel piano dei servizi.

TARI, ABBATTIMENTO TRA IL 18-20%
Per quanto riguarda la Tari, oltre all’abbattimento della tassa fra il 18% e il 20% per le utenze domestiche e non domestiche, riconferma le agevolazioni dello scorso anno della Tares - riduzioni abitazioni occupate da soggetti che risiedono per più di sei mesi all’anno all’estero; riduzioni per i fabbricati rurali ad uso abitativo; riduzioni per le utenze domestiche che hanno avviato il compostaggio di residui organici; riduzioni per le unità immobiliari occupate da persone nel cui nucleo familiare sono presenti uno o più portatori di handicap con reddito ISEE non superiore a 15.000,00 euro; riduzioni per i nuclei familiari con minimo 3 figli a carico e con reddito ISEE non superiore a 15.000,00 euro; esenzione per coloro che vivono in zone ambientalmente sensibili (Contrada Casoni, via Penne, zona industriale, etc); esenzione per le famiglie in difficoltà economica il cui reddito è costituito unicamente da pensione minima; esenzione per i commercianti che intendono aprire nuovi esercizi commerciali nella cosiddetta Area No Tax (piazza Malta, via Toppi, porta Pescara).
L’amministrazione ha deciso anche la riduzione della tassazione per gli esercizi commerciali che dismettono le apparecchiature dei giochi elettronici a pagamento, come proposto dal Consigliere Marco Di Paolo quale incentivo alla lotta alla ludopatia.
Inoltre è prevista la riduzione per i nuovi nuclei familiari under 35 con reddito Isee complessivo non superiore a 15.000,00 euro su proposta del Consigliere Stefano Rispoli.
Prevista anche l’esclusione totale del pagamento della Tari per il corrente anno per tutte le attività commerciali, artigianali e di servizi aperte sul territorio comunale nel 2014, cui segue la riduzione del 40% per il 2015 e del 20% per il 2016 su proposta del Consigliere Emiliano Vitale. Sono escluse da tale esenzione le attività commerciali presenti nei centri commerciali e polifunzionali ovvero le grandi distribuzioni del terziario avanzato.

LA TASI NON SARA’ PAGATA DA INQUILINI E ATTIVITA’ COMMERCIALI
Per quanto riguarda la Tasi, la cui aliquota non è applicata al massimo e non verrà pagata dagli inquilini e dalle attività commerciali ha previsto: forti riduzioni ed agevolazioni per le famiglie, in particolare, la riduzione di 50 euro per ogni figlio a carico di età inferiore a 26 anni; la divisione in modo equo della tassa in caso di separazione legale fra coniugi e di affidamento condiviso.
Infine è prevista la riduzione del 50% sull’aliquota per le unità immobiliari adibite ad abitazione principale con una rendita catastale fino a 300 euro.

CHIETI. Riduzioni e Esenzioni Delle Tasse Comunali[1]