CRISI E LAVORO

Abruzzo. Acqua Santa Croce: «Lavoratori senza stipendio da dicembre»

La società smentisce

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6732

Abruzzo. Acqua Santa Croce: «Lavoratori senza stipendio da dicembre»


CANISTRO. I 78 lavoratori dello stabilimento Santa Croce di Canistro non percepiscono alcun sussidio da dicembre dello scorso anno. Dall'1 aprile 2013 alle maestranze è stato applicato il contratto di solidarietà, ma manca la copertura economica non avendo il ministero del Lavoro ancora provveduto alla firma del decreto.
E' quanto denuncia Franco Pescara, segretario interregionale Abruzzo-Molise della Fai-Cisl, che ha chiesto un nuovo incontro all'azienda per fare chiarezza sulla vertenza.
«Il contratto di solidarietà», spiega Pescara, «prevede una riduzione dell'orario di lavoro. I dipendenti della Santa Croce, attualmente, prestano servizio solo due-tre giorni la settimana. Ben si comprende come lo stipendio sia assolutamente irrisorio, considerando anche la mancata erogazione del sussidio legato al contratto di solidarietà. Si tratta di lavoratori ormai ai limiti della disperazione. La politica», sottolinea ancora il segretario della Fai-Cisl, «è lontana anni luce dai problemi della gente. Il Governo deve firmare subito il decreto per sbloccare i fondi utili alla copertura del contratto di solidarietà e della cassa integrazione in deroga».
 Lo stabilimento Santa Croce è ancora in crisi.
«Il nuovo piano industriale», incalza Pescara, «non è mai stato ufficialmente presentato; in assenza di un rilancio della produzione e della commercializzazione sul mercato internazionale, la fabbrica marsicana rischia di chiudere i battenti».

MA LA SOCIETA’ SMENTISCE
«L’azienda è in regola con il pagamento di tutti gli stipendi e quanto scritto dagli organi di informazione locale è falso», scrive in una nota l’azienda. «Il problema verificatosi, come appurato in questi giorni anche dalle forze sindacali, è stato causato dal ritardo del Ministero del Lavoro nello sblocco dell’erogazione dei fondi destinati all’Inps».
«E’ con forte rammarico” – afferma il Presidente di Sorgente Santa Croce Camillo Colella - che leggo delle notizie prive di fondamento lesive dell’immagine di aziende che, come Sorgente Santa Croce, si impegnano ogni mese con sforzi economici importanti, per pagare in maniera sempre puntuale le proprie maestranze».
MA LA SOCIETA’ SMENTISCE

«L’azienda è in regola con il pagamento di tutti gli stipendi e quanto scritto dagli organi di informazione locale è falso», scrive in una nota l’azienda. «Il problema verificatosi, come appurato in questi giorni anche dalle forze sindacali, è stato causato dal ritardo del Ministero del Lavoro nello sblocco dell’erogazione dei fondi destinati all’Inps».«E’ con forte rammarico” – afferma il Presidente di Sorgente Santa Croce Camillo Colella - che leggo delle notizie prive di fondamento lesive dell’immagine di aziende che, come Sorgente Santa Croce, si impegnano ogni mese con sforzi economici importanti, per pagare in maniera sempre puntuale le proprie maestranze».