SANITA'

Abruzzo. Cancro dello stomaco, primo intervento col robot all’Ospedale di Chieti

Innocenti: «soddisfazione anche per i primi 30 interventi robotici per tumori del colon»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3338

Abruzzo. Cancro dello stomaco, primo intervento col robot all’Ospedale di Chieti

L'equipe




CHIETI. È stato eseguito con successo all’Ospedale di Chieti il primo intervento col robot per cancro dello stomaco. E’ il primo del genere in Abruzzo e il primo nella fascia adriatica.
L'ospedale più vicino dove si effettuano questi interventi è quello di Forlì mentre non viene ancora eseguito in nessuno degli ospedali del Sud Italia. L’intervento è stato eseguito dal professor Paolo Innocenti, direttore del Dipartimento di Chirurgia della Asl Lanciano Vasto Chieti e della Scuola di Specializzazione in Chirurgia generale dell'Università "Gabriele d’Annunzio", e dal dottor Massimo Cieri, con la collaborazione dell'anestesista Daniela Tella e del personale della sala operatoria.
Il vantaggio di operare i tumori dello stomaco col robot risiede nella maggiore radicalità oncologica, cioè nella possibilità di asportare oltre al cancro anche tutti i linfonodi colpiti dal tumore e di eseguire suture dentro l’addome senza aprirlo.
A questo si aggiungono i benefici della chirurgia mini-invasiva: l’intervento col robot effettuato attraverso tre piccole incisioni di un centimetro rende possibile giornate post operatorie senza dolore e un rientro a casa dopo 4-5 giorni contro gli 8-10 abituali.
«Sono veramente soddisfatto – afferma il professor Innocenti – e ringrazio il direttore generale della Asl per aver acquistato il robot Da Vinci che permette a noi chirurghi di essere all’avanguardia in Abruzzo e in tutto il Centro-Sud nella chirurgia dei tumori. Ho iniziato a utilizzare il robot circa un anno fa e di recente ho festeggiato con tutto il personale della sala operatoria i primi 30 interventi per cancro del colon, tutti realizzati con ottimi risultati. Ritengo che il robot – continua il prof. Innocenti – rappresenti il futuro della chirurgia anche perchè i progressi di questa tecnologia sono continui e inarrestabili. Tra breve, per esempio, ci sarà un'integrazione con le immagine radiologiche per cui potremo operare con l’immagine della TAC visualizzata all’interno dell’organo che andiamo a operare. Questo è il motivo per cui stimolo i miei giovani specializzandi a interessarsi del robot e delle sue affascinanti tecnologie».