IL FATTO

Hockey, giocatore italiano esulta e la polizia lo arresta. Aracu: «assurdo»

Lo sportivo è stato rilasciato dopo una notte in stato di fermo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5194

Hockey, giocatore italiano esulta e la polizia lo arresta. Aracu: «assurdo»





MADRID. Arrestato , con la divisa della nazionale italiana addosso.
E’ l’incredibile vicenda che ha coinvolto Massimo Tataranni, il giocatore dell’Italia originario di Matera, che venerdì aveva risolto coi suoi gol la partita contro la Francia.
Il giovane al termine di Spagna-Portogallo, decisiva per assegnare il titolo di campione d'Europa agli azzurri, ha esultato in maniera ritenuta eccessiva in tribuna e due agenti di polizia (in borghese) lo hanno bloccato e malmenato dopo che Tataranni (che invece era con la divisa della nazionale, quindi riconoscibile) aveva cercato di divincolarsi.
Ieri mattina il giovane, che ha passato la notte in stato di fermo nel commissariato, è stato rilasciato. Incredulo e sdegnato per l’accaduto Sabatino Aracu, presidente della Federazione Italiana Hockey e Pattinaggio (FIHP).
«Un comportamento ingiustificabile e aggravato dal fatto che gli agenti erano in borghese mentre il nostro giocatore indossava la divisa della nazionale, una vicenda paradossale quasi pirandelliana della quale c’è però poco da ridere e chiederemo tutte le spiegazioni del caso, oltre alle doverose scuse».

Il fatto, accaduto all’interno del palazzetto, a pochi metri dalla tribuna delle autorità e dello spazio riservato agli atleti delle squadre nazionali, «non ha la benchè minima giustificazione», contesta Aracu.
«L'atleta italiano, che indossava la divisa della sua nazionale, non ha fatto nulla che potesse giustificare l'intervento della forza pubblica presente all'interno del palasport; si è limitato a festeggiare, al pari dei suoi compagni di squadra, il titolo di campione europeo appena conquistato».
Ancor più grave, spiega il presidente, sarebbe il fatto che, di fronte all'inconsistenza delle accuse, la Polizia Locale abbia proceduto nell'iter e consegnato Massimo Tataranni in custodia alla Polizia Nazionale che lo ha posto in stato di fermo, rifiutando l'immediato rilascio e trattenendolo per tutta la notte tra sabato e domenica. Una circostanza che ha impedito all'atleta di ricevere, assieme ai compagni, il meritato riconoscimento nel corso della cerimonia di premiazione in quanto l'Italia ha conquistato il titolo Continentale.

La FIHP nell’apprendere del rilascio ribadisce «solidarietà e incondizionato appoggio a Massimo Tataranni» ed esprime «il rammarico per questo episodio che ha macchiato un campionato europeo esemplare sotto il profilo dell'organizzazione e della correttezza di pubblico e atleti».