DAL CILINDRO

Alessandrini come Mascia: la farsa dei 7 nuovi incarichi per lo staff del sindaco

Pubblicati avvisi, giungono centinaia di curricula ma si premia chi si è già speso

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6475

Di Fabio, Alessandrini e D'Angelo

Di Fabio, Alessandrini e D'Angelo


 
PESCARA. Marco Alessandrini come Luigi Albore Mascia.
Sette nuovi incarichi alla corte del neo sindaco scelti dopo un avviso pubblico (pubblicato dal 20 al 30 giugno) ma i nomi sono tutti noti e vicinissimi al primo cittadino. Niente di illecito, per carità, perché il sindaco ha la possibilità di nominare personale di fiducia, ma che necessità c’era di bandire una selezione pubblica per tirare fuori dal cilindro nomi noti e stranoti e magari illudere pure qualcuno che era alla ricerca di un impiego?
Così tutto si ripete ma a parti inverse e quel centrosinistra che predicava bene oggi razzola male con l’aggravante di ripercorrere un sentiero che aveva aspramente contestato all’allora sindaco avverso.  
E’ la politica che non cambia (verso) e non lascia intravedere nemmeno un piccolissimo spiraglio di novità.
Cose trite e ritrite tanto che nella vicina Montesilvano (amministrazione di centrodestra) sta succedendo esattamente la stessa cosa…

Lo aveva fatto nei mesi passati anche il sindaco Luigi Albore Mascia, quando scelse a novembre del 2012 il coordinatore degli uffici dello staff. Tra 14 candidati alla fine scelse Giuliano Grossi uomo di fiducia del centrodestra e già difensore civico.
Qualche mese prima era successo anche per l’incarico del direttore artistico della città. Dopo la consulenza affidata (direttamente così come consentito) a Giordano Bruni Guerri Mascia decise di pubblicare  un avviso pubblico. Alla fine la spuntò, senza sorprese, Bruno Guerri.
L’ex assessore del centrodestra Isabella Del Trecco tuona su Facebook: «Avanti c'è posto! Avete presente i 500 curriculum depositati per un posto nello staff del sindaco? Ecco i nomi dei sette che, comunque, erano già all'opera. Il Pd nostrano ora non protesta? Queste sono le priorità di #dalfonsandrini».
Già al lavoro da settimane (il loro incarico scadrà alla scadenza del sindaco) c’è sicuramente Camillo D’Angelo al quale ieri, dopo la scadenza del bando, Alessandrini ha assegnato il ruolo di Capo della segreteria politica. Oggi per lui (e per gli altri 6 fortunati) è il primo giorno di lavoro ufficiale e non c’è dubbio che quello di D’Angelo è un nome che non sorprende nessuno. 

Già alla vigilia della composizione della giunta era chiaro che quello sarebbe stato il ruolo dell’ex assessore al Bilancio della giunta D’Alfonso, non ricandidatosi. Così come è già al lavoro da settimane anche l’ufficio stampa della giunta, Monica Di Fabio, 45 anni, con lo stesso ruolo anche in un periodo della giunta D’Alfonso. C’è poi la giovane Cinzia Tirone, 23 anni, fresca di laurea, hostess e modella (come recita la sua pagina Facebook), molto attiva nel comitato di Alessandrini durante il periodo elettorale. Da oggi  si occuperà di «supporto alle politiche di riorganizzazione, razionalizzazione e semplificazione dei procedimenti e delle procedure amministrative». Candidata (non eletta) alle Regionali con Valore Abruzzo a sostegno di Luciano D’Alfonso Roberta Pellegrino, 36 anni, laureata in Filosofia e Dottore di ricerca in Scienze Sociali, si occuperà invece  di «raccordo delle attività di organizzazione e monitoraggio per l’attuazione del piano di Zona».
Nella segreteria del sindaco anche Vincenzo Infante, 54 anni, Sandro Cascella 50 anni, già nominato scrutatore alle scorse elezioni, e il dipendente comunale Gianluca Vianale, 46 anni, già responsabile della gestione degli impianti sportivi della città.
Se lo staff è di nomina del sindaco non si capisce perché bisogna perdere tempo per gettare fumo negli occhi e magari far parlare di «trasparenza delle nomine» per qualche minuto: fino a quando non si scoprono le carte e si capisce che questa è la strada (che non porta consensi) per l’inquadramento formale di chi ha deciso di spendersi nella campagna elettorale del sindaco vincente. Si è sempre fatto così.
Chissà che ne pensano quelle persone che hanno inviato la loro candidatura…