IL MISTERO

Abruzzo. Nuovo Consiglio regionale: «errore nei conteggi: c’è un seggio di troppo al Pd»

Secondo i calcoli il seggio doveva andare a “Regione Facile”

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

5727

elezioni seggio liste elettorali



ABRUZZO. In molti avevano il desiderio di mettere una pietra sopra ad uno degli spogli più lunghi della storia d’Abruzzo (nel 2008 servirono 20 giorni).
Purtroppo il calvario è destinato a continuare perché già arrivano le prime avvisaglie dei ricorsi, peraltro minacciati ampiamente alla vigilia della proclamazione.
Ma c’è intanto una vicenda molto strana che sta emergendo in questi minuti e cioè una discrepanza di voti ufficiali molto ampia rispetto a quelli comunicati dalla Regione.
Possibile che la Regione si sia sbagliata così tanto?
Intanto come già segnalato a Luciano D’Alfonso presidente sono stati assegnati 300 voti in più rispetto a quelli ufficializzati in un primo momento dalla Regione ma anche a Chiodi ne arrivano 200 in più. Dunque 500 schede che erano state annullate o contestate sono state giudicate corrette?
Altro punto, forse il più incredibile, è che nella assegnazione dei seggi provvisoria, frutto di calcoli rimodulati all’infinito, se ne attribuivano 10 al Pd mentre a Regione Facile ne andavano 2. La Corte d’Appello però ne ha assegnati 11 al Partito Democratico e 1 a Regione Facile.
Questa volta però i bene informati sembrano accreditare la versione ufficiosa a discapito di quella ufficiale. Che si tratti di un risultato anomalo lo testimoniano pure tutte le varie simulazioni che si sono viste in questi lunghissimi 17 giorni di spoglio e riconteggio: in nessuna il Pd aveva 11 seggi.
Secondo questa interpretazione allora potrebbe eventualmente saltare (ma a questo punto dopo un ricorso) Antonio Innaurato del Pd, undicesimo consigliere, e andrebbe invece ad aggiungersi Alessio Monaco di Regione Facile.
Che cosa è successo allora, perché questo ipotetico errore? Secondo alcuni tecnici potrebbe essere stata saltata una linea nel conteggio finale delle tabelle da compilare e questo potrebbe aver determinato un risultato errato della… proclamazione.
Francamente una ipotesi davvero difficile da credere e che andrà spiegata nelle prossime ore.
Ma tant’è e proprio in queste ore si susseguono le telefonate e le richieste di spiegazione proprio per cercare di capire come possa essere stata interpretata la norma elettorale non chiara e non precisa secondo molti osservatori tecnici.
a.b.