LIVE

BALLOTTAGGIO ABRUZZO: SEGGI CHIUSI LO SCRUTINIO IN DIRETTA

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8497

BALLOTTAGGIO ABRUZZO: SEGGI CHIUSI LO SCRUTINIO IN DIRETTA

ABRUZZO. Chiusi alle 23 i seggi nei comuni di Pescara, Teramo, Montesilvano, Silvi e Giulianova.
Cominciato lo spoglio: al primo turno hanno chiuso in vantaggio 3 sindaci del centrosinistra (Pescara, Giulianova e Silvi) e 2 del centrodestra (Montesilvano e Teramo).
A Pescara lo sfidante Marco Alessandrini (Pd) al primo turno era nettamente in vantaggio rispetto al primo cittadino uscente Luigi Albore Mascia. A Teramo, invece, Maurizio Brucchi per un soffio non ha vinto al primo turno. In queste due settimane di campagna elettorale Manola Di Pasquale è stata presa per mano dal governatore Luciano D’Alfonso e da tutto il Pd, intenzionati a conquistare il fortino di Forza Italia e dell’ex governatore Gianni Chiodi.
Montesilvano, secondo quanto emerso due settimane fa, sembra destinata a tornare in mano al centrodestra con il candidato Francesco Maragno dopo che la vecchia giunta di centrosinistra è riuscita a restare in carica appena due anni. Giulianova potrebbe vedere la riconferma dell’uscente Matsromauro. Tutta aperta invece, la sfida a Silvi dove se la giocano Enrico Marini e Francesco Comignani che al primo turno erano separati da meno di 200 voti.

AFFLUENZA ALLE 23

A Silvi, secondo l’ultimo rilevamento delle 23, è andato a votare il 53,5% degli aventi diritto (-18% rispetto a due settimane fa).

23.23 – A TERAMO BRUCCHI IN VANTAGGIO
Dopo 3 sezioni scrutinare su 80 il sindaco uscente del centrodestra Maurizio Brucchi è in vantaggio con il 58,6% (190 voti) su Manola di pasquale del centrodestra (41,3%, 134 voti).

23.32 – A TERAMO BRUCCHI CRESCE
Dopo 4 sezioni scrutinare Brucchi resta in vantaggio e il distacco con la sfidante cresce: 66,4% il primo, 33,5% per Di Pasquale

23.34 - PESCARA ALESSANDRINI IN NETTO VANTAGGIO
Come pronosticato alla vigilia dello scrutinio il candidato del centrosinistra Marco Alessandrini pare destinato a vincere sul sindaco uscente. Dopo 37 sezioni scrutinate su 170 Alessandrini sfiora il 67% mentre Mascia è fermo a poco più del 33%.

23.39 - A MONTESILVANO MARAGNO IN VANTAGGIO
Dopo 6 sezioni scrutinate su 52 il candidato del centrodestra Francesco Maragno è in vantaggio con il 53,4%. Lino Ruggero, candidato del centrosinistra. rincorre al 46,5%

23.40 – A SILVI TESTA A TESTA
A Silvi dopo 4 sezioni scrutinate su 14 il candidato Comignani è in vantaggio su Marini con il 51,3%. Qui la battaglia sembra ancora aperta mentre negli altri comuni ci si avvia verso la conferma dei risultati del primo turno.

23.43 – ALESSANDRINI DOPPIA MASCIA
Dopo 42 sezioni scrutinate su 170 Alessandrini ha quasi doppiato Mascia ottenendo 6.720 voti. Il sindaco Mascia ne ha ottenuti fino a questo momento 3.700

23.44 – A TERAMO DISTACCO COSTANTE E BRUCCHI SEMPRE IN VANTAGGIO
Dopo 20 sezioni scrutinate su 80 Brucchi è sempre in vantaggio su Manola di Pasquale con il 54,1%. Tra i due 400 voti di distacco.

23.46- A PESCARA IL PD SI DICHIARA VITTORIOSO
«La partita è chiusa», il deputato del Pd Antonio Castricone intervistato da Rete 8 festeggia e parla di risultato scontato per Alessandrini e una vittoria schiacciante così come nelle previsioni.

23.53 – «ALESSANDRINI SINDACO»
Sulla pagina Facebook di Marco Alessandrini lo staff ha scritto «in attesa di Marco Alessandrini, il sindaco di Pescara» che in questi minuti è arrivato al comitato elettorale dove è già presente il presidente della regione, Luciano D’Alfonso. Il Pd lancia anche due hashtag sui social network: #insiemeabbiamovinto e #oracambiamopescara. Una folla di sostenitori del Partito Democratico è arrivata a via Firenze.

 23.56 – ALESSANDRINI, PRIMO DISCORSO DA SINDACO
«Il dato elettorale ci conferma questo vento positivo», commenta Marco Alessandrini, «c’è una indicazione molto chiara. Io penso già a domani quando dovrò rispondere a questa grande fiducia che i cittadini hanno riposto in me. Pescara tornerà bella e sorridente».

23.58 – D’ALFONSO: «SI E’ RICREATO CAMPO ELETTROMAGNETICO»
Al comitato di via Firenze a Pescara anche D’Alfonso: «domani comincia una grande avventura», il primo commento a caldo del governatore, «abbiamo trovato una serie di motori sorgivi. Ogni candidato si è scatenato a favore di Pescara, si è ricreato il campo elettromagnetico che nel 2003 ci ha fatto vincere».

00.03 - BRUCCHI SINDACO
Anche a Teramo la vittoria di Brucchi appare ormai certa dopo lo scrutinio di 40 sezioni su 80 e un vantaggio di circa 800 voti. Le percentuali: Brucchi al 53,5%, Di Pasquale al 46,4%

00.07 – A MONTESILVANO 400 VOTI TRA MARAGNO E RUGGERO
Quattrocento voti separano il candidato del centrodestra Francesco Maragno, in vantaggio con il 53,5% e Lino Ruggero al 46,4% dopo 21 sezioni scrutinate su 52.


00.09 – A SILVI COMIGNANI SEMPRE IN VANTAGGIO
A Silvi Comignani, il candidato del centrosinistra è ancora in vantaggio con il 53,1%. Sette le sezioni scrutinate su 14.

00.23 – A MONTESILVANO MARAGNO SINDACO
A Montesilvano ha vinto il candidato del centrodestra Francesco Maragno. Al momento, quando mancano due sezioni da scrutinare, le percentuali sono di 53,7% per l’esponente di Forza Italia e il 46,2% per Ruggero.

*** 00.30 – SCRUTINIO TERMINATO A SILVI: VINCE COMIGNANI
Terminato lo scrutinio a Silvi. Francesco Comignani, candidato del centrosinistra ha battuto lo sfidante con il 53,3% delle preferenze (3.581 voti). Marini si è fermato al 46,6% (3.132 voti). Dieci sono i seggi che andranno alla maggioranza (5 al Pd, 3 La Tua Silvi, 2 A Silvi 2024). 3 i seggi per la minoranza (1 Uniti per Silvi, 1 Ncd, 1 Silvi Bellissima). Tre i candidati sindaco eletti in consiglio per un totale di 16 seggi: Enrico Marini, Michele Cassone e Ferruccio Benvenuti.

00.35 –MASTROMAURO RICONFERMATO SINDACO DI GIULIANOVA
Francesco Mastromauro è stato riconfermato sindaco di Giulianova. Quando mancano 8 sezioni la vittoria è ormai schiacciante: 62% e oltre 3.300 voti. Retko ha da poco superato le 2 mila prefernze (37,9%)

*** SCRUTINIO TERMINATO A PESCARA: ALESSANDRINI SFIORA LE 30 MILA PREFERENZE
Dati definitivi per il comune di Pescara. Alessandrini ha sfiorato le 30 mila preferenze (29.699) ottenendo il 66,3% e perdendo circa 100 voti rispetto al primo turno (aveva ottenuto 29.797 voti).
Mascia, invece, nonostante la rincorsa non ce l’ha fatta: per lui 15.072 voti perdendo quasi 700 preferenze rispetto al primo turno. Il nuovo Consiglio comunale prevede 20 seggi alla maggioranza (12 al Pd, 2 A Scegli Pescara, 2 a Sel, 2 a Liberali, 1 a Insieme bene Comune, 1 a persone comuni per Pescara).
Alla minoranza: 4 seggi a Forza Italia, 2 a Ncd, 1 a Pescara Futura, 2 al Movimento 5 Stelle. Tre i candidati sindaco sconfitti che entreranno in consiglio oltre a Mascia ci sono Guerino Testa e la grillina Enrica Sabatini.


 
00.51 - ALESSANDRINI IN COMUNE, C’È ANCHE MASCIA

Il neo sindaco di Pescara, Marco Alessandrini è arrivato insieme ai sostenitori e al presidente della Regione, Luciano D’Alfonso al Comune di Pescara per festeggiare il risultato. Alessandrini è entrato nella sala del Consiglio comunale dove è presente anche il primo cittadino uscente, Luigi Albore Mascia.

00.55 – M5S COMMENTA RISULTATO PESCARESE
«Il partito dell'acqua, del clientelismo, delle lobby e degli amici imprenditori ha vinto a ‪‎Pescara», commenta il deputato pescarese del Movimento 5 Stelle, Gianluca Vacca sui social network‬. «D'Alfonsini, il figlioccio dell’ imputato-indagato-prescritto Big Luciano, grazie al suo cognome e a null'altro, governerà Pescara.  Il #M5S non gli darà tregua, a difesa degli interessi dei cittadini».

00.55 – BRUCCHI FURIOSO: «IO CONTRO TUTTI»
A Teramo un furioso Maurizio Brucchi ha festeggiato in strada la sua vittoria. «La mia è stata una battaglia di uno contro tutti», ha gridato davanti alle telecamere e ai sostenitori evidentemente agitato, «alla fine abbiamo vinto noi». Brucchi rivendica il lavoro fatto: «avevamo tutti contro, la Regione, D’Alfonso, Renzi, tutti contro Brucchi ma alla fine abbiamo vinto noi. Sono contento che i cittadini abbiano capito che la mia proposta era quella seria, senza inciuci, senza poltrone e presidenti di regione che invece di fare il loro lavoro vanno a bussare alle porte delle zie. Pensassero alle loro zie». Brucchi ha denunciato anche il fatto che in città in queste settimane si siano affacciati personaggi mai visti prima. Ha fatto i nomi di Lolli e Cialente «venuti qui solo per spalleggiare Manola di Pasquale che si è messa in tasca 120 mila euro quando stava al Consorzio»

01.00 –TERAMO DEFINITIVO: BRUCCHI VINCE PER 800 VOTI
Brucchi chiude la partita con 13.616 voti (51,5%) mentre Di Pasquale si è fermata al 48,4%. Rispetto al primo turno il sindaco uscente ha perso circa 100 voti mentre la sfidante ne ha guadagnati quasi 4 mila. Nel nuovo Consiglio comunale sono 20 i seggi per la maggioranza: 7 a Futuro In, 4 a Ncd, 3 a Forza Italia, 2 Al centro per Teramo, 2 Popolari con Teramo, 2 Insieme per Te.
Alla minoranza: 5 seggi al Pd, 2 a Teramo Cambia, 1 al Movimento 5 Stelle. I candidati sindaco eletti consiglieri sono, oltre a Di Pasquale, Fabio Berardini e Gianluca Pomante.

01.05 – MONTESILVANO, MARAGNO: «SARO’ IL SINDACO DI TUTTI»
«Sarà il sindaco di tutti», ha detto il neo sindaco di Montesilvano Francesco Maragno nel corso della sua prima uscita pubblica. «E’ stata una campagna elettorale molto dura», ha detto. «Mi godo il risultato e da domani si comincia a lavorare per il bene della gente. Mi auguro di risolvere l’ emergenza dei rifiuti e dare slancio al sistema turistico e balneare. Sono felicissimo dell’esito del voto e delle persone che entreranno in Consiglio, sono tutte persone capaci e professionali». Secondo Maragno la vittoria del centrodestra in città, in netta controtendenza con quanto accaduto alle regionali e alle europee sarebbe frutto «della qualità del lavoro e delle persone messe in campo.

01.09 – GIULIANOVA RISULTATO DEFINITIVO
Alla fine Francesco Mastromauro l’ha spuntata (come ampiamente previsto) con 6.114 preferenze (62,7%) ovvero 141 voti in più rispetto a due settimane fa. Retko ne ha ottenuti 3.626 voti. Nel prossimo Consiglio comunale alla maggioranza spetteranno 10 seggi: 5 al Pd, 3 alla lista Per Francesco Mastromauro, 1 Al centro della città, 1 Centro Civico Giuliese. Alla minoranza 1 alla Lista Linea Diretta.
Candidati sindaco eletti consiglieri, oltre a Retko, Arboretti, Trifoni, Ciafardoni e Antelli.