TRUFFA

Sanità: violazioni Inps, 8 mesi a Vincenzo Angelini

La vicenda risale al 2009

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2833

Sanità: violazioni Inps, 8 mesi a Vincenzo Angelini




CHIETI. L'ex imprenditore della sanità ed ex proprietario della casa di cura Villa Pini di Chieti Vincenzo Angelini è stato condannato a 8 mesi di reclusione, più le spese, dal giudice monocratico di Chieti Patrizia Medica.
Angelini, secondo l'imputazione, quale legale rappresentante di due società, la Gestioni Manageriali srl e Sanstefar srl, nella compilazione dei modelli DM 10 relativi ai mesi da aprile a novembre 2009, avrebbe posto in detrazione dalle somme risultanti a debito importi relativi a prestazioni a carico dell'Inps quali malattia, maternità, assegni familiari, permessi ai sensi della legge 104/92, che risultavano parzialmente o non totalmente corrisposti ai lavoratori che ne avevano diritto.
Il tutto per un importo complessivo di 63.370 euro. Tre giorni fa, sempre a Chieti, si è tenuta un’altra udienza di un altro processo che vede sempre Angelini tra gli imputati.
L’imprenditore è accusato insieme alla moglie Anna Maria Sollecito di associazione a delinquere, truffa e falso. Ma gli ultimi due reati sono già prescritti. All’ultima udienza è stata stralciata la posizione di Sergio Frezza, ex direttore sanitario della clinica mentre la Asl si è costituita parte civile. Sono però fatti vecchi di quasi dieci anni e riferiti a rimborsi da parte della Asl ,di ben 46 milioni di euro, per prestazioni in ortopedia, oculistica, cardiochirurgia, chirurgia vascolare, cardiologia, otorinolaringoiatria e malattie e i disturbi dell'apparato riproduttivo femminile.
Secondo l' accusa, dunque, Villa Pini, negli anni fra il 2005 e il 2007, ha espletato attività sanitaria non coperta da autorizzazione o accreditamento provvisorio e ha effettuato prestazioni a carico del sistema sanitario nazionale per discipline non accreditate.