LAVORO

Coldiretti, 100mila posti dalla green economy in campagna

6,9 per cento dei titolari di impresa ha meno di 35 anni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1551

Coldiretti, 100mila posti dalla green economy in campagna

Lavoro: Coldiretti, 100mila posti dalla green economy in campagna 
6,9 per cento dei titolari di impresa ha meno di 35 anni
Lavoro, coldiretti, agricoltura, roberto moncalvo
FIRENZE.  Dalla green economy si aprono opportunità per oltre centomila posti di lavoro nelle campagne che possono contribuire alla crescita sostenibile e alla ripresa economica e occupazionale del Paese dove e' stato raggiunto il record storico nella disoccupazione giovanile. E' quanto emerge dal dossier 'Lavorare e vivere green in Italia' elaborato in occasione della Giornata mondiale dell'ambiente proclamata dall'Onu e presentata a Firenze.
 All'appuntamento Toscano della Coldiretti, in cui sono giunti diecimila coltivatori provenienti dalle diverse regioni insieme al presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e ai ministri dell'Ambiente, Gian Luca Galletti e dell'Agricoltura, Maurizio Martina, e' stato anche aperto l'open space 'Lavorare con la green economy) con straordinari esempi di creativita'. Dall'agriarredatore che costruisce nelle case muri verticali con la natura all'agrigelataio che al posto del cono offre la bruschetta da insaporire con gelati al Brunello di Montalcino o all'extravergine. Ma anche il wedding planner green che pianifica matrimoni naturali in tutti i diversi aspetti, o il bioingegnere, che combatte le frane con le piante, fino all'alchimista dell'orto ma ci sono anche nate le prime agricolonie e il grande fratello e' entrato nella stalle per dare la possibilita' di controllare ogni istante la via degli animali il loro stato di benessere ed il tipo di alimentazione. Una testimonianza del profondo processo di rinnovamento green in atto nelle campagne confermato dal fatto che quasi un'impresa agricola italiana su 3 e' nata negli ultimi 10 anni.
LA SITUAZIONE ATTUALE
Nell'agricoltura italiana il 6,9 per cento dei titolari di impresa ha meno di 35 anni ed e' alla guida di 54.480 aziende. Di queste circa il 70 per cento - continua la Coldiretti - opera in attivita' multifunzionali: dall'agriturismo alle fattorie didattiche, dalla vendita diretta dei prodotti tipici e del vino alla trasformazione aziendale del latte in formaggio, dell'uva in vino, delle olive in olio, ma anche pane, birra, salumi, gelati e addirittura cosmetici. Oggi nelle campagne il lavoro c'e' sia per chi vuole intraprendere con idee innovative che per chi vuole trovare una occupazione anche temporanea" ha dichiarato il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, sottolineando che "l'esperienza dimostra che molti giovani hanno saputo riconoscere ed incarnare le potenzialita' del territorio trovando opportunita' occupazionali m anche una migliore qualita' della vita". Venute meno le garanzie del posto fisso che caratterizzavano le occupazioni tradizionali, sono emerse tutte le criticita' di lavori che in molti considerano ripetitivi e poco gratificanti rispetto al lavoro in campagna. Lo dimostra il fatto che, secondo un sondaggio Coldiretti-Ixe', tra i desideri 'nascosti' degli italiani ci sarebbe proprio quello di tornare a vivere in campagna (il 32,7 per cento). Un interesse che riguarda anche i giovani under 35 che nel 46 per cento dei casi cambierebbero il suo impiego attuale per diventare imprenditore agricolo se avesse la possibilita' di acquisire un terreno, con una percentuale in aumento del 10 per cento rispetto al 2013. 
La crescita di opportunita' nel settore agricolo e' dovuta al fatto che negli ultimi anni si sono sviluppati all'interno del settore nuovi mestieri con circa il 70 per cento delle imprese giovani che - continua la Coldiretti - opera in attivita' multifunzionali: dall'agriturismo alle fattorie didattiche fino agli agriasilo, dalla vendita diretta dei prodotti tipici e del vino alla trasformazione aziendale del latte in formaggio, dell'uva in vino, delle olive in olio, ma anche pane, birra, salumi, agrigelati e addirittura agricosmetici.
FIRENZE.  Dalla green economy si aprono opportunità per oltre centomila posti di lavoro nelle campagne che possono contribuire alla crescita sostenibile e alla ripresa economica e occupazionale del Paese dove e' stato raggiunto il record storico nella disoccupazione giovanile. E' quanto emerge dal dossier 'Lavorare e vivere green in Italia' elaborato in occasione della Giornata mondiale dell'ambiente proclamata dall'Onu e presentata a Firenze. All'appuntamento Toscano della Coldiretti, in cui sono giunti diecimila coltivatori provenienti dalle diverse regioni insieme al presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo e ai ministri dell'Ambiente, Gian Luca Galletti e dell'Agricoltura, Maurizio Martina, e' stato anche aperto l'open space 'Lavorare con la green economy) con straordinari esempi di creativita'. Dall'agriarredatore che costruisce nelle case muri verticali con la natura all'agrigelataio che al posto del cono offre la bruschetta da insaporire con gelati al Brunello di Montalcino o all'extravergine. Ma anche il wedding planner green che pianifica matrimoni naturali in tutti i diversi aspetti, o il bioingegnere, che combatte le frane con le piante, fino all'alchimista dell'orto ma ci sono anche nate le prime agricolonie e il grande fratello e' entrato nella stalle per dare la possibilita' di controllare ogni istante la via degli animali il loro stato di benessere ed il tipo di alimentazione. 

Una testimonianza del profondo processo di rinnovamento green in atto nelle campagne confermato dal fatto che quasi un'impresa agricola italiana su 3 e' nata negli ultimi 10 anni.

LA SITUAZIONE ATTUALE

Nell'agricoltura italiana il 6,9 per cento dei titolari di impresa ha meno di 35 anni ed e' alla guida di 54.480 aziende. Di queste circa il 70 per cento - continua la Coldiretti - opera in attivita' multifunzionali: dall'agriturismo alle fattorie didattiche, dalla vendita diretta dei prodotti tipici e del vino alla trasformazione aziendale del latte in formaggio, dell'uva in vino, delle olive in olio, ma anche pane, birra, salumi, gelati e addirittura cosmetici. Oggi nelle campagne il lavoro c'e' sia per chi vuole intraprendere con idee innovative che per chi vuole trovare una occupazione anche temporanea" ha dichiarato il presidente della Coldiretti, Roberto Moncalvo, sottolineando che "l'esperienza dimostra che molti giovani hanno saputo riconoscere ed incarnare le potenzialita' del territorio trovando opportunita' occupazionali m anche una migliore qualita' della vita". 

Venute meno le garanzie del posto fisso che caratterizzavano le occupazioni tradizionali, sono emerse tutte le criticita' di lavori che in molti considerano ripetitivi e poco gratificanti rispetto al lavoro in campagna. Lo dimostra il fatto che, secondo un sondaggio Coldiretti-Ixe', tra i desideri 'nascosti' degli italiani ci sarebbe proprio quello di tornare a vivere in campagna (il 32,7 per cento). Un interesse che riguarda anche i giovani under 35 che nel 46 per cento dei casi cambierebbero il suo impiego attuale per diventare imprenditore agricolo se avesse la possibilita' di acquisire un terreno, con una percentuale in aumento del 10 per cento rispetto al 2013. La crescita di opportunita' nel settore agricolo e' dovuta al fatto che negli ultimi anni si sono sviluppati all'interno del settore nuovi mestieri con circa il 70 per cento delle imprese giovani che - continua la Coldiretti - opera in attivita' multifunzionali: dall'agriturismo alle fattorie didattiche fino agli agriasilo, dalla vendita diretta dei prodotti tipici e del vino alla trasformazione aziendale del latte in formaggio, dell'uva in vino, delle olive in olio, ma anche pane, birra, salumi, agrigelati e addirittura agricosmetici.