RICOSTRUZIONE?

Abruzzo. Terremoto: richiedono contributi per immobile che era costruito solo a metà

E’ l’ennesima truffa scoperta dalla procura de L’Aquila: sequestrati 1,1 mln di euro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2188

Abruzzo. Terremoto: richiedono contributi per immobile che era costruito solo a metà




L’AQUILA.  Immobili e denaro per oltre un milione di euro da sottoporre a sequestro e tre soggetti indagati (tra cui un ingegnere) per truffa ai danni dello Stato.

E’ questo il bilancio di una indagine condotta dalla Compagnia della Guardia di Finanza dell'Aquila, coordinata dal Procuratore capo Fausto Cardella e dal pm Stefano Gallo, in relazione ad una richiesta di contributo per la ricostruzione privata avanzata da A.V., 63 anni, e E.D.P., 67, ed approvata sulla base di false dichiarazioni asseverate da A.F., 41, tutti di Scoppito (non vengono forniti altri particolari sulla identità degli indagati).
Le Fiamme Gialle, nel corso delle attivita' di monitoraggio sull'impiego dei fondi pubblici destinati alla riparazione degli immobili danneggiati dal sisma, hanno concentrato l'attenzione su una pratica per la quale, nel complesso, sono stati erogati circa 1,1mln di euro, rilevandone l'assenza dei presupposti previsti dalla legge per l'accesso al finanziamento, dissimulata dai richiedenti grazie anche alla compiacenza del tecnico incaricato.
Tutto nasce dall'istanza prodotta dai beneficiari del contributo, nell'ambito della quale veniva attestato l'utilizzo quale civile abitazione (oltre che, parzialmente, quale esercizio commerciale) di un immobile di quattro piani; i riscontri operati dai finanzieri hanno permesso, invece, di accertare come, alla data del sisma, l'immobile fosse agibile solo limitatamente ai locali del piano terra (presso i quali insisteva l'attivita' commerciale), mentre i piani elevati erano ancora in fase di costruzione e parzialmente non accatastati. Nonostante cio', i proprietari dell'immobile hanno indicato nell'istanza per la concessione del contributo l'utilizzo a titolo abitativo dei piani elevati, producendo, peraltro, una scheda Aedes parzialmente difforme rispetto a quella redatta dai tecnici incaricati della verifica sull'agibilita' dell'immobile, tale da indurre in errore i responsabili dell'istruttoria e determinare l'approvazione del contributo pur in assenza dei requisiti di cui all'O.P.C.M. n. 3790 del 09.07.2009.
L'esito delle indagini e' stato anche supportato da approfondimenti della Sezione di P.G. del Corpo Forestale dello Stato su profili di natura edilizia. La Procura ha ritenuto sussistente, in capo ai due beneficiari del contributo, l'ipotesi di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e, con riferimento alla mendace attestazione redatta dal tecnico incaricato, quella di falsita' materiale commessa dal privato.
Su tali basi, su richiesta della Guardia di Finanza, condivisa dal pm, il gip del Tribunale di L'Aquila Marco Billi, rilevando la gravita' degli indizi forniti dai finanzieri, ha disposto il provvedimento del sequestro preventivo per equivalente che ha determinato il vincolo cautelare su immobili e disponibilita' finanziarie degli indagati per un valore pari al contributo indebitamente percepito.