IL FATTO

Di Battista e lo spot alle patate di Avezzano: «tangenti a km zero»

«Questo paese ha l’intelligenza nel Dna»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3153

Di Battista e lo spot alle patate di Avezzano: «tangenti a km zero»

Di Battista





ABRUZZO. «Forse questo post non sarà il massimo del glamour ma noi siamo così, orgogliosamente popolari».
Così il deputato del Movimento 5 Stelle, Alessandro Di Battista, racconta su Facebook (dove ha 200 mila amici) l’affetto ricevuto negli ultimi giorni in occasione del tour elettorale che lo sta portando in giro per l’Italia.
Il deputato a cinque stelle, uno dei più amati dai grillini e dagli attivisti, nei giorni scorsi è stato anche in Abruzzo dove insieme agli altri candidati ha riempito le piazze al grido di «vinciamo noi».
Confronti e dibattiti in occasione delle elezioni, dunque, ma anche l’affetto genuino della popolazione e Di Battista racconta ironico: «ad ogni agorà ricevo svariate "tangenti a km zero"» riferendosi a regali di modica entità offerti spontaneamente dai cittadini senza alcuna richiesta di contropartita.
«Ieri in Umbria mi hanno regalato salse tartufate e vino bianco, la settimana scorsa a Pescara mi hanno caricato di birra artigianale, oggi ad Albano si è tentato di corrompermi con un sacco di patate di Avezzano (tra le migliori del mondo)».
Così Di Battista posta su Facebook una foto con «le preziose mazzette». «Questo è il M5S», scrive, «solo chi lo vive sa quanto sia un mix di tradizione, comunità, idee e innovazione».

Il deputato racconta poi la storia del "corruttore" (in senso ironico): «si tratta di un contadino abruzzese che coltiva patate da 3 generazioni. Le vende porta a porta ma ha scoperto la rete. Il suo sito forzaconlepatate.it è un cocktail di ilarità e intelligenza. Questo Paese ha l'intelligenza nel DNA. Gli italiani hanno delle capacità straordinarie. Grazie alla visione di questo piccolo produttore le patate di Avezzano si vendono in tutto il mondo. Di questo dovremmo vivere. Di turismo, eno-gastronomia, produzioni agricole, km utile e sovranità alimentare. Tutti punti del nostro programma europeo».
Il produttore di patate racconta dal suo sito l’importanza al giorno d’oggi di avere un sito: «il megafono è una tradizione ma ti sentono fino a 200 metri. Serve anche il ‘punto it’ (inteso come sito internet, ndr) perché è il futuro, ci sente il mondo intero. È una finestra sul mondo che ti si apre e mi è successo che anche dall’estero mi chiamano per avere le patate di Avezzano»