VICENDA INFINITA

Arca Spoltore , sindaco avvia trattativa privata, Febo insorge: «prima le opere pubbliche»

La consigliera di centrodestra chiede spiegazioni

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1770

ARCA




SPOLTORE. Il sindaco di Spoltore Luciano Di Lorito dà il via alla trattativa con l'Arca e nomina responsabile dell'urbanistica colui che firmò nel 2001 la Convenzione tra Arca e Comune senza la polizza fideiussoria.
«Perché una trattativa privata e soprattutto per cosa?», chiede la consigliera comunale di centrodestra Marina Febo.
L'Arca ha costruito diverse opere private, ma in 13 anni non ha mai realizzato quelle pubbliche, ovvero il campo e il parco in località Villa Raspa a beneficio della collettività di Spoltore.
L'Arca non ha neppure mai negato di dover costruire le opere pubbliche ma, anche se diffidata legalmente dal Comune, non lo ha fatto e non lo fa.
Di Lorito ora chiede e ottiene dalla sua maggioranza in Consiglio comunale di dare avvio a una trattativa privata con l'Arca, denuncia la consigliera di maggioranza.

«Il sindaco», contesta Febo, «cita un parere legale che, però, parla di trattativa solo come opzione per evitare il contenzioso e risolvere le obbligazioni "esistenti" e non per "negoziare" ulteriori aspetti che non siano la realizzazione del campo e del parco, come invece l'Arca ha richiesto con il deposito dell'ultimo progetto di giugno 2013. Il mio gruppo», insiste Febo, «ha sempre sostenuto che l'Arca deve prima concludere le opere pubbliche (campo e parco) che mancano in virtù della Convenzione del 2001, ormai scaduta, e poi potrà costruire nuove opere private sul territorio di Spoltore. E chi dovrebbe occuparsi di questa trattativa? Ci pensa Di Lorito che, con incarico fiduciario, nomina personalmente, come responsabile dell'urbanistica, un ex dirigente del Comune che, nel maggio 2001, firmò la Convenzione tra l'Arca e il Comune di Spoltore senza una polizza fideiussoria adeguata, come invece imponeva la legge, unico strumento che il Comune avrebbe potuto utilizzare per costruire il campo e il parco di fronte all'inerzia dell'Arca».
È un anno e mezzo che Febo attende le risposte in merito a diversi aspetti della polizza fideiussoria, ma nessun ufficio si e' ancora attivato.
All'ultimo consiglio comunale ha anche presentato una ulteriore mozione che impegnava il Sindaco a dare le risposte. «Ma i consiglieri di maggioranza (con due assenti e uno astenuto) hanno deciso di votare contro, sollevando vizi inesistenti di forma, nonostante le rassicurazioni del Segretario comunale», protesta ancora Febo. La consigliera annuncia che ripresenterà un'ulteriore interrogazione.