LA DENUNCIA

Comune Pescara, nuovo allarme del Pd: «possibile danno erariale per 220 mila euro»

Documenti già inviati alla Corte dei Conti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2554

ENZO DEL VECCHIO

Enzo Del Vecchio




PESCARA. I consiglieri comunali del Pd di Pescara, Enzo Del Vecchio e Camillo D'Angelo, lanciano un nuovo allarme sui conti di Palazzo di città.
La nuova tegola è emersa da una relazione dei Revisori dei Conti, già inviata alla Corte dei conti (sezione giurisdizionale), dopo quella che riguardava la situazione di pre-dissesto di cui il partito ha parlato diffusamente nei giorni scorsi.

I due consiglieri, prendendo spunto dal documento dei Revisori comunali, parlano di «un possibile danno erariale per oltre 220.000 euro» derivante dalla fornitura di applicativi informatici da parte di una società privata all'amministrazione pubblica.
La societ A.P. System, raccontano i consiglieri sfogliando le carte, non sarebbe stata in grado di adempiere al servizio, come previsto dal contratto a seguito di gara, tanto che l'amministrazione comunale sarebbe stata costretta a ricorrere a prestazioni aggiuntive fornite da altre società, la Halley Informatica S.n.c. (precedente appaltatrice) e Engineering Tributi S.pa. per una spesa supplementare di oltre 210.000 euro.
«Dalla nota dei Revisori», continuano Del Vecchio e D’Angelo, «si apprende di come l’anomalia fosse ben a conoscenza del direttore generale dell’Ente, Stefano Ilari, e che questi, con nota n. 247325 del 31.10.2013, avesse comunicato agli stessi Revisori comunali di aver provveduto ad attuare compensazioni con la società A.P. System per l’importo di 38.826,16 euro». Tale compensazione, però, è stata ritenuta dagli stessi Revisori del tutto insufficiente.
Si sarebbe proceduto, poi all'acquisto di ulteriori attrezzature informatiche senza il ricorso a procedure di evidenza pubblica e che hanno riguardato la stessa società A.P. System per un importo di 87.652,80 euro.

Ed ancora dalla nota dei Revisori si rileva che il Comune di Pescara, pur in vigenza del nuovo contratto con la società A.P. System, ha proceduto a liquidare alla società Halley Informatica somme per 39.882,10 euro per l’acquisto di ulteriori sistemi informatici presumibilmente per consentire l’utilizzo degli applicativi ancora in uso e non sostituiti».
Del Vecchio e D'Angelo collegano queste problematiche con «il pasticcio che si e' generato con la gestione della Tares», la tassa che a Pescara ha creato molte polemiche costringendo i cittadini a lunghe code davanti agli uffici per avere chiarimenti e rettifiche dei bollettini.
Vista «la caotica gestione dei dati informatici da parte della nuova società» i due consiglieri si domandano se le due questioni non siano in qualche modo correlate.