EDILIZIA

All'Aquila operativo il Polo dell'edilizia sostenibile

Con centro storico tutto in classe energetica A, 20mln risparmio

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2108

All'Aquila operativo il Polo dell'edilizia sostenibile





L’AQUILA. Operativa all'Aquila la sede del Polo d'innovazione dell'edilizia sostenibile.
Prima iniziativa a L'Aquila del Polo, che aggrega già 70 soggetti tra cui imprese, università, centri di ricerca regionali e nazionali nel segno della qualità e l'innovazione dei prodotti e dei processi nel settore edile abruzzese, sarà il Laboratorio Urbano Permanente per la Sostenibilità.
Il Laboratorio sarà presentato nell'ambito di un seminario che si terrà il prossimo 4 aprile alle 15,00 presso il Salone della Ricostruzione. Il seminario proporrà un percorso basato sulla condivisione di esperienze e coinvolgerà nei prossimi mesi amministratori pubblici, imprenditori, associazioni di cittadini e di categoria, architetti, urbanisti, esperti e docenti di tematiche energetiche e ambientali, e anche osservatori esterni provenienti da altre regioni.
«Le aziende aderendo al Polo - dice il presidente Domenico Tronca - hanno la grande opportunità di avere a disposizione il supporto di Università e centri di ricerca. Ad esempio già stiamo facendo grandi passi nella progettazione domotica per realizzare abitazioni ed elettrodomestici utilizzabili per persone con disabilità, nel brevetto di nuovi materiali edili, come vernici naturali realizzate con scarti di frutta, coibentazione che utilizzano biomasse vegetali come canapa e paglia. E tutto ciò possono diventare prodotti vincenti da lanciare sul mercato».
«Altro grande servizio – spiega il vice presidente Antonio Cilli - che il Polo offre alle aziende è alla semplificazione burocratica, i tanti servizi che può mettere a disposizione a costi abbattuti». Inoltre secondo il consigliere delegato Paolo Tella, «se il centro storico dell'Aquila fosse ricostruito tutto in classe A energetica l'intera comunità risparmierebbe oltre 20 milioni di euro all'anno, importo che potrebbe dare un concreto sostegno all'economia locale».
Alla presentazione erano presenti anche Alfredo Moroni, assessore comunale ai lavori pubblici e per la Smart City, Augusta Marconi, direttrice del Polo Giandomenico Cifani, CNR-ITC (Consiglio Nazionale delle Ricerche - Istituto per le Tecnologie della Costruzione).