CONTI IN COMUNE

Ripa Teatina, opposizione all’attacco: «interventi insufficienti del Comune dopo richieste della Corte dei Conti»

Patriarca: «andremo a fondo»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1561

Ripa Teatina, opposizione all’attacco: «interventi insufficienti del Comune dopo richieste della Corte dei Conti»




RIPA TEATINA. Lo scorso 23 dicembre la Corte dei Conti ha trasmesso al Comune di Ripa Teatina la relazione sul rendiconto 2011 ritenendo opportuno richiamare l’attenzione del Consiglio Comunale su alcuni punti.
Tra questi la la presenza di residui attivi e passivi antecedenti l’annualità 2007; la mancata indicazione delle tipologie di spese contenute nella voce “altre per servizi conto terzi” per un importo pari a 33.078 euro nel 2010 e 62.123 euro nel 2011; mancata dotazione di inventario aggiornato sullo stato di effettiva consistenza del patrimonio e mancata coincidenza del totale dei debiti di finanziamento, al 31 dicembre 2011, indicato nel conto del patrimonio, con il totale indebitamento di fine anno.
La Corte dei Conti aveva segnalato la cosa all’Ente «affinché ponga in essere azioni volte a favorire la riconduzione delle irregolarità/criticità emerse entro i parametri di una migliore gestione finanziaria al fine di salvaguardare, anche per gli esercizi successivi, il rispetto dei necessari equilibri di bilancio e dei principali vincoli posti a salvaguardia delle esigenze di coordinamento della finanza pubblica».

Ma l'adozione da parte del Responsabile del settore finanziario degli idonei interventi richiesti dalla Corte dei Conti non convincono il Gruppo di Minoranza che ha espresso voto contrario. Inoltre, il consigliere Andrea Patriarca, capogruppo del gruppo d’opposizione, annuncia che «andrà a fondo sul ripetersi delle irregolarità/criticità evidenziate dalla Sezione regionale di controllo. Anche per il rendiconto 2010 la Corte dei conti rilevò irregolarità/criticità, in due anni consecutivi la gestione del Comune di Ripa Teatina da parte dell'allora sindaco Mauro Petrucci, mostra evidente di non aver rispettato i principi di sana gestione finanziaria dell'ente»

+++ IL DOCUMENTO INTEGRALE