IL FATTO

Fira Abruzzo: sventa truffa online di 642 mila euro

La Carichieti ha segnalato un bonifico anomalo

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4122

Rocco Micucci

Rocco Micucci




PESCARA. E' uno dei fenomeni piu' diffusi del nostro tempo: la frode telematica, che ogni anno colpisce milioni di vittime, persone truffate che si sono viste prosciugare i propri conti correnti.
Questa volta al centro della truffa la Fira, la finanziaria regionale abruzzese, vittima di un gigantesco scippo telematico prontamente bloccato.
E' accaduto ieri pomeriggio: dopo essersi accorti di una anomalia, il direttore dell'agenzia 7 Carichieti di Pescara Raffaele Di Ciccio ha immediatamente chiamato il direttore amministrativo di Fira, Andrea Di Nizio, segnalando l'episodio e chiedendo se avesse potuto procedere ad addebitare la somma di 642 mila euro su un conto in Austria intestato ad una societa' di Hong Kong, come acconto per una fantomatica fattura.
Si trattava evidentemente di un imbroglio, bloccato per tempo grazie all'efficienza e ad un perfetto coordinamento tra la Banca Carichieti e i vertici della societa'.
«L'episodio e' stato immediatamente denunciato al Compartimento della Polizia postale e delle Comunicazioni Abruzzo di Pescara, al momento stiamo attentamente monitorando e verificando che i conti correnti non abbiano altre anomalie» ha spiegato il Andrea Di Nizio.
«Se la banca non si fosse accorta della stranezza e non si fosse coordinata con i nostri uffici per tempo, una volta autorizzato il pagamento sarebbe stato praticamente impossibile recuperare i soldi».
«Dopo le truffe reali, ora la finanziaria deve subire anche quelle virtuali», sdrammatizza il presidente Rocco Micucci. «Battute a parte, ringrazio per l'efficienza le strutture di Fira e della Banca Carichieti, che hanno cosi' evitato un grave danno agli abruzzesi».
Per evitare ulteriori rischi, la Fira ha momentaneamente bloccato l'operativita' dei conti.