IL GUASTO

Rinnovo patenti, in tilt sistema telematico del Ministero. Asl in difficoltà

Forti problemi anche a L’Aquila: «Serve una proroga per risolvere i problemi»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

4518

Rinnovo patenti, in tilt sistema telematico del Ministero. Asl in difficoltà




L’AQUILA. Rinnovo patenti: scattano le nuove modalità decise dal Ministero dei Trasporti ma il nuovo sistema telematico, anziché migliorare tempi e procedure, mette in grave difficoltà le Asl e causa forti disagi agli utenti.
Dall’8 febbraio scorso sono operative le nuove modalità, cosiddetta patente digitale, per il rinnovo del documento.
I dati della patente (foto, nome, firma ecc.) vengono scannerizzati dagli addetti Asl e inviati per via telematica al Portale dell’automobilista, a Roma. Se l’esito è positivo, il sistema rilascia contestualmente una ricevuta che viene stampata e consegnata all’utente, valida 60 giorni, fino al rilascio del nuovo documento che sarà consegnato a domicilio dal portalettere.
Un cambiamento radicale che ha costretto il servizio di Medicina Legale delle Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, al pari degli analoghi servizi delle altre aziende sanitaria italiane, ad adeguarsi in tempi brevissimi. Con la nuova procedura, infatti, i servizi di medicina legale hanno dovuto provvedere, nel giro di poche settimane, all’acquisto di apparecchiature, scanner, software e a istruire il personale medico e amministrativo (senza contare i costi per dotarsi dei nuovi software) . A queste forti difficoltà si sono aggiunti problemi alla Rete telematica, che le Asl devono utilizzare e che fa capo a Roma, al Portale dell’automobilista.

TUTTO A RILENTO
Connessioni lentissime, collegamenti intermittenti, interruzioni e complicato utilizzo delle password d’accesso, limitate al solo responsabile del servizio. Un ‘debutto’, quindi, a cui moltissime azienda sanitarie italiane non hanno retto al punto da essere costrette a sospendere il servizio o, nella migliore delle ipotesi, a rallentarlo enormemente.
«Medicina Legale della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, a differenza di ciò che è accaduto in altre realtà, si spiega in una nota, «ha acquistato tempestivamente apparecchiature, istruito medici e amministrativo ma - soprattutto a causa delle gravi lentezze del sistema di connessione attivato dal Ministero dei Trasporti -si vedrà impossibilitata a garantire gli ordinari tempi di definizione dei rinnovi di patente.
«Vogliamo avvisare gli utenti», spiega Patrizia Masciovecchio, direttore di Medicina legale della Asl 1, «che i disagi di questi giorni sono del tutto indipendenti dalla nostra volontà e dipendono soprattutto dai problemi di funzionamento della linea telematica del Portale dell’automobilista con cui le Asl devono collegarsi per eseguire le operazioni. La connessione col Portale, quando non si interrompe del tutto, è lenta e macchinosa e, per caricare foto e dati dell’utente, occorrono almeno 20 minuti. Peraltro, con questa modalità, è possibile lavorare solo su un utente alla volta e questo ovviamente aumenta notevolmente le già rimarchevoli difficoltà. La conferenza Stato-Regione, peraltro, in previsione dei disagi che si sarebbero verificati, aveva chiesto al Ministero una proroga nell’adozione di questo nuovo sistema. Proroga sollecitata, peraltro, anche dal Coordinamento nazionale dei medici legali delle Asl. In conclusione file, rinvii o rallentamenti di questi giorni non hanno nulla a che fare con l’efficienza del nostro servizi».