OPERE PUBBLICHE

Viabilità, la Provincia di Chieti pronta ad investire a Saletti di Atessa

Il Comune, invece, ha fatto marcia indietro

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2097

Viabilità, la Provincia di Chieti pronta ad investire a Saletti di Atessa




ATESSA. Il progetto della Atessa-Saletti, di originari 2 milioni di € circa, mira a collegare la strada provinciale 154 Sangritana alla strada provinciale Atessa-Valle attraverso la costruzione di due rotatorie e una strada di collegamento tra esse.
Il progetto è stato ideato per decongestionare una strada che in molti momenti della giornata per traffico, incroci a raso, presenza di un parco mezzi il più variegato possibile (dalle biciclette ai mezzi pesanti) ha caratteri di forte pericolosità, e inoltre andrebbe a completare il collegamento con la zona industriale retro-Sevel e a dare servizi e accessi a svariati lotti industriale in attesa di assegnazione.
Nel corso degli anni la fonte di finanziamento dell’intero progetto si è man mano ridotta, soprattutto con il venire meno sia del contributo del Comune di Atessa (100.000 euro), sia quello del commissariato Consorzio Industriale (367.000 euro) riducendo il budget disponibile alla somma di 1.032.000 euro che oggi la Provincia continua invece a garantire sull’opera inserita nel Piano Regionale 2008/2010. 

«Ritengo che il Comune di Atessa - afferma il vicepresidente della Provincia di Chieti, Antonio Tavani- con un atteggiamento istituzionalmente poco collaborativo in sede di Conferenza di Servizi, sta mettendo a serio rischio un investimento da 1 milione di euro da effettuare a cura della Provincia di Chieti sul proprio territorio; le motivazioni addotte non sono oggettivamente accoglibili. Se il Comune si è dovuto al tempo tirare indietro dal punto di vista economico dal precedente accordo di programma, ne ha tuttavia sempre condiviso lo spirito per lo sviluppo del comprensorio, sviluppo peraltro coerente con tutti gli atti di pianificazione sovraordinati. Se poi l’obiettivo del Comune di Atessa è quello di far perdere tempo ulteriore alla nostra già difficile macchina burocratica della Provincia, facendo decadere il finanziamento, saremo noi i primi a denunciarlo pubblicamente. Fin da domani».
Le priorità della Provincia di Chieti erano e restano due, sempre confermate anche dal suo presidente in ogni riunione formale ed informale: mettere in sicurezza la 119, organizzare la viabilità con la prima rotonda.
E su tale convinzione ci sono anche gli operatori economici e i cittadini della zona, più volte incontrati, anche dai consiglieri provinciali. La variante della strada è peraltro una formale richiesta anche del Consorzio Industriale Asi Sangro. Per il consigliere provinciale di Atessa Federico Fioriti «dopo il parere negativo del Comune di Atessa rischiamo come territorio di perdere non solo 1.032.000 euro ma anche gli altri 870.000 euro su cui stiamo contrattando con la Regione per la sistemazione di altri tratti della Viabilità in Val di Sangro. Tutti dovremmo fermarci e capire che in questo momento dobbiamo dare risposte ai cittadini e alle imprese della Val di Sangro e non solo al proprio elettorato. Questa presa di posizione di chiusura non ha senso e depotenzia ancora di più Atessa nel suo contesto provinciale».