AFFITTO

Provincia Chieti. Affitti passivi, tagli pari al 65% dal 2009 ad oggi

Nel 2014 il totale delle spese sarà di circa 390mila euro.

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1872

Chieti corso marrucino

Chieti







CHIETI. La Provincia di Chieti taglia ancora i fitti passivi. Dal 2009 ad oggi le spese per l'affitto di immobili da parte dell'Ente sono passate da 1 milione 53mila euro a 390mila euro, con un risparmio pari al 65%. Questo perché da lunedì gli uffici attualmente ubicati in Via Spaventa saranno definitivamente trasferiti presso la sede centrale di Corso Marrucino e a decorrere dal 1° gennaio avrà effetto il recesso di altri contratti relativi a magazzini e depositi di automezzi provinciali. E' quanto è emerso da un incontro tenutosi alla presenza del Presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, dell'Assessore provinciale al Patrimonio, Tonino Marcello, e dei Dirigenti dell'Ente.
Un risultato, come sottolineano il Presidente Di Giuseppantonio e l'Assessore Marcello, «che conferma la bontà della scelta dell'Ente di puntare a un deciso riordino della spesa pubblica per liberare risorse destinate al risanamento dei conti e, per quanto possibile, a investimenti su strade e scuole».
 Segno positivo anche per quanto riguarda i fitti attivi, grazie ai maggiori introiti derivanti dalla sede di Via Arniense del Tribunale di Chieti, pari a 240mila euro, e a un centro sociale a Villamagna per 15mila euro.
«Solo con il definitivo trasferimento degli uffici ubicati in Via Spaventa presso la sede centrale di Corso Marrucino - ha dichiarato il Presidente Di Giuseppantonio - risparmieremo oltre 220mila euro l'anno. A questi si aggiungeranno le risorse finora destinate a diverse autorimesse ubicate in tutto il territorio provinciale. Si tratta del proseguimento di una decisa azione di riduzione e contenimento della spesa pubblica avviata sin dal mio insediamento che si è resa necessaria per reperire fondi diretti, alla luce della situazione debitoria dell'Ente e dell'impossibilità di contrarre mutui. Peraltro non si dimentichi che sulla Provincia incombe il piano di riequilibrio pluriennale approvato dalla Corte dei Conti, che dev'essere seguito e rispettato rigorosamente».
«Con questi interventi diamo seguito a quanto deliberato in Giunta provinciale - ha ribadito l'Assessore Marcello - sulla riduzione delle spese di locazione passiva e, più in generale, sui tagli alle spese superflue. E' un'azione che assieme al Presidente Di Giuseppantonio stiamo perseguendo con tenacia, e mi sembra evidente che i risultati si vedono».