LA NORMA

Legge stabilità, appaltatori che non pagano saranno penalizzati

Emendamento di Antonio Castricone (Pd)

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1116

Legge stabilità, appaltatori che non pagano saranno penalizzati





ABRUZZO. Arriva una stretta per i contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.
La commissione Bilancio della Camera ha approvato un emendamento, a prima firma di Antonio Castricone (Pd), che impone gli appaltatori di opere pubbliche a rispettare gli obblighi contrattuali verso i subappaltatori, prima che vengano liquidati dall'ente appaltante.
Nel caso di inadempienza, l'ente appaltante è tenuto a pagare direttamente i subappaltatori e a detrarre gli importi da quanto dovuto all'appaltatore. «Il soggetto aggiudicatore verifica, prima di effettuare qualsiasi pagamento a favore del contraente generale - si legge nel testo - compresa l'emissione di eventuali stati di avanzamento valori, il regolare adempimento degli obblighi contrattuale del contraente generale verso i propri affidatari».
Ove risulti l'inadempienza del contraente, l'aggiudicatore «dovrà applicare una detrazione sui successivi pagamenti e procedere al pagamento diretto all'affidatario, nonchè applicare le eventuali diverse sanzioni previste in contratto».

«Una cosa è certa», spiega Castricone, «d’ora in poi i subappaltatori avranno la garanzia di ricevere sempre tutti i pagamenti dovuti per le loro prestazioni mentre gli appaltatori che non pagano, così come stabilito, saranno penalizzati. L’emendamento, di cui sono primo firmatario, approvato in commissione Bilancio col parere favorevole del governo, rimette finalmente un po’ d’ordine nei contratti pubblici relativamente a lavori, servizi e forniture. È una norma che consente alla filiera della produttività un corretto e necessario ritorno delle risorse economiche apportate dal governo per i pagamenti dei debiti della Pubblica amministrazione». «Sono molto soddisfatto per l'approvazione», continua Castricone, «perchè è il concretizzarsi del lavoro fatto in questi mesi insieme al presidente della Commissione Bilancio, Francesco Boccia, per assicurare alle nostre piccole e medie imprese maggiori tutele e garanzie».