GOVERNO

Decreto Stabilità, arriva pure l’emendamento anti Ombrina 2

Chiesti aiuti post alluvione: «Abruzzo come Sardegna»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

831

Decreto Stabilità, arriva pure l’emendamento anti Ombrina 2




ABRUZZO. Da oggi inizieranno in Commissione Bilancio alla Camera le valutazioni e le votazioni degli emendamenti al Decreto Stabilità.
Tra quelli da valutare ce ne sono anche alcuni del deputato del Pdl, Fabrizio Di Stefano, primo firmatario, che riguardano l’Abruzzo.
«In particolare ho firmato – spiega il parlamentare - uno specifico emendamento in materia ambientale. L'opposizione ad Ombrina 2 credo infatti si faccia non solo sulle piazze ma anche, per chi può, con fatti concreti. Ho così presentato un emendamento con cui s'intende ripristinare i vincoli previsti dal modificato Decreto Prestigiacomo. Se fosse recepito, quindi, ripristinerebbe quei vincoli che avevano bloccato l'ter di Ombrina 2. Spero però che al di là di chi lo presenti, su questa tematica, si faccia squadra e blocco unico tra tutti coloro che si sono dichiarati pubblicamente contrari a tale insediamento. Ad uno di questi va riconosciuta appunto la coerenza, ovvero Gianni Melilla, che ha firmato già l’emendamento in questione» ci tiene a sottolineare Di Stefano.
Ma il deputato abruzzese ha presentato anche un emendamento relativo ai danni prodotti dall’alluvione del 2 e 3 dicembre scorso chiedendo che si equipari la situazione abruzzese a quella sarda, naturalmente tenendo in considerazione la corretta proporzione dell'entità dei danni. «Le stesse misure d’urgenza e le stesse risorse dovranno essere stanziate , quindi, anche per i territori abruzzesi colpiti dalle calamità» conclude Di Stefano.

GLI ALTRI EMENDAMENTI
Stretta fiscale su pubblicità online e commercio elettronico, con (proposta di) obbligo di acquistare i servizi solo da operatori con partita IVA italiana. L’obiettivo è evitare che i big del Web fatturino in paesi fiscalmente più convenienti. Inoltre si propone di modificare la tassa sulle transazioni finanziarie riducendo l’aliquota allo 0,01% ed estendendola a tutte le operazioni, comprese obbligazioni e derivati. Imposta sugli immobili: si prevede di pagare la mini IMU di gennaio ma di rendere la somma detraibile dalla IUC 2014 (che sugli altri immobili si somma all’IMU, eliminata per le abitazioni principali). Un’altra proposta prevede che i risparmi della spending review vadano destinati a questo scopo, veicolati attraverso uno specifico fondo da distribuire al 60% per ridurre l’imposizione sul lavoro e al 40% sulle imprese. 

EMENDAMENTO AMMISSIBILE

E' stato dichiarato ammissibile l'emendamento su Ombrina. «Se approvato», commenta Di Stefano, «potrebbe essere proprio la pietra tombale di Ombrina 2 e di tutte quelle vicende analoghe su cui ci siamo sempre espressi in maniera contraria».