LA RICHIESTA

Ex discarica Santa Teresa Spoltore: «la Provincia attivi le procedure per la bonifica»

La richiesta del consigliere del Pd Giordano Fedele

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1619

Ex discarica Santa Teresa Spoltore: «la Provincia attivi le procedure per la bonifica»




SPOLTORE. La Provincia attivi in tempi rapidi le procedure per la bonifica dell'ex-discarica in località Santa Teresa.
La richiesta arriva dal consigliere comunale del Pd di Spoltore Giordano Fedele.
Il sito, utilizzato fino alla fine degli anni '80 per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani, risulta potenzialmente contaminato così come evidenziato dal piano di caratterizzazione ambientale, con oggettivi risvolti sotto il profilo igienico-sanitario.
Con decisione del 24 ottobre 2012 in merito alla procedura di infrazione 2003/2077 causa c-135/05, la Commissione UE ha sollecitato l'Italia ad agire urgentemente per bonificare le discariche illegali e incontrollate prevedendo pesanti sanzioni finanziarie che prefigurano futuri danni erariali.
Il Comune di Spoltore, su richiesta della Regione, ha ricostruito la storia tecnico amministrativa della discarica dimostrando la propria estraneità rispetto alla responsabilità di contaminazione del sito, in quanto la stessa risulta essere di proprietà privata, così come era all'epoca la gestione dell'impianto.
Alla luce di quanto evidenziato, la Regione ha chiesto alla Provincia di attivare la procedura prevista per l'identificazione del soggetto responsabile della contaminazione, che dovrà provvedere alla bonifica del sito.
«Sono passati dieci mesi e alla data odierna non risultano novità in riferimento agli approfondimenti ed alle verifiche che dovevano essere effettuate nonostante la Regione si fosse data come obiettivo la conclusione di tutte le bonifiche entro la fine dell'anno», conclude Fedele, «la salute dei cittadini e la tutela dell'ambiente non possono più attendere, la Provincia svolga le opportune indagini e attivi, in tempi rapidi, le relative procedure che la legge le impone».