LA SITUAZIONE IN TEMPO REALE

Meteo, Abruzzo sotto la neve. Chiuse alcune scuole

In questi minuti diversi sindaci stanno firmando le ordinanze

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

34403

Meteo, Abruzzo sotto la neve. Chiuse alcune scuole




ABRUZZO. Come previsto l’Abruzzo si è svegliato sotto la neve.
All’interno della regione si registrano diversi centimetri di coltre bianca mentre sulla costa una spruzzata che al momento non ha creato problemi particolari. Il vero problema resta quello del ghiaccio.
A Chieti questa notte hanno lavorato 6 spazzaneve e ne sono arrivati altri due da fuori.
Sul fronte della chiusura delle scuole i sindaci sono stati molto ‘previdenti’ e nonostante le previsioni hanno rimandato la decisione a questa mattina.
Nella notte il sindaco Di Primio ha annunciato che avrebbe atteso ancora qualche ora per verificare se ci fossero o meno le condizioni per chiuderle poi alle 6.50 ha deciso: scuole chiuse.
Alle ore 5,45, invece, è stata pubblicata sul sito del Comune di Lanciano l’ ordinanza di chiusura (sospensione attività didatiche) delle scuole di Lanciano. Per tutta la notte sono stati operativi mezzi spazzaneve per garantire transitabilità delle 350 km di rete stradale comunale.
Poco dopo le 6 anche il sindaco di Città Sant’Angelo ha annunciato la chiusura delle scuole per la giornata di oggi, così come resteranno chiusi i cancelli anche a Casoli. Ulteriori aggiornamenti ci saranno sicuramente nei prossimi minuti.

RINVIATO CONSIGLIO REGIONALE
E proprio a causa allerta neve, il presidente Nazario Pagano ha rinviato a martedì 3 dicembre 2013 la seduta del Consiglio regionale di oggi. Anche le sedute delle Commissioni sono rinviate.

VIABILITA' E FIUMI

A preoccupare in queste ore sono i fiumi che da ieri stanno crescendo sempre più ed in alcuni casi sono già straripati. La neve sta cadendo su tutta la regione con vere e proprie bufere. La costa è spazzata da vento fortissimo che ha ingrossato il mare che flagella la costa. La viabilità è difficoltosa nell'Abruzzo interno e sulle arterie meno frequentate mentre procede senza interruzione sulle autostrade anche se si contano diversi centimetri di neve.

Il comune di Pescara ha disposto la chiusura urgente al traffico e alla sosta delle golene nord e sud per il rischio di esondazione del fiume Pescara, gonfio dalle piogge cadute in citta' e dalla nevicata che ha interessato le zone interne del pescarese. Sono stati gia' transennati gli ingressi e le uscite delle golene. Tutti coloro che avessero parcheggiato sulle golene vengono pertanto invitati dal Comune a spostare le vetture.

Come prevedibile fioccano le proteste di genitori ed operatori della scuola che stanno ancora cercando -a mattinata quasi terminata- informazioni ufficiali dai sindaci sulla eventuale chiusura delle scuole per oggi e anche domani. Molti sindaci hanno effettuato la comunicazione ufficialmente abbondantemente oltre l'orario di ingresso nelle scuole. Molti si sono limitati a scrivere cose sulle pagine personali di Facebook lasciando la desolazione sui siti istituzionali fino a metà mattinata. Moltissimi genitori lasciati senza comunicazioni ufficiali hanno preferito non avventurrsi e non mandare figli a scuola con la beffa che dove le scuole sono rimaste aperte ci sono moltissime assenze.

Singolare il caso del Comune di Chieti che in un comunicato stampa ufficiale dirama i numeri utili da chiamare per evntuali emergenze e tra i contatti per segnalare disagi ci sono la pagina personale Facebook del sindaco ed il contatto Twitter del primo cittadino.

A L'Aquila invece il sindaco Cialnete se la prende con la Provincia (presidente Del Corvo) che non pulisce le strade ed invoca addirittura l'invio dell'esercito. Secondo ilprimo cittadino i problemi maggiori sarebbero sulle strade provinciali e non comunali.

Sempre a L’Aquila Sono attualmente 13 i mezzi in circolazione per coprire 63 centri abitati, in una situazione meteo che va progressivamente peggiorando.
La superstrada L'Aquila Bazzano, inoltre, risulta essere stata chiusa  dalla Provincia, mentre i nostri mezzi, per sopperire alle carenze  provinciali hanno liberato la 615 per Pianola, la 33 per Coppito, le Provinciali per Preturo e Collebrincioni fino ad Aragno. Situazione particolarmente complessa, invece, ad Assergi e Camarda   dove si registrano 40 cm di neve e dove da questa notte un mezzo fisso 
sta provvedendo a sgomberare le strade.
Tornando in Città, gli ingorghi, purtroppo, sono causati anche dai  mezzi pubblici. Nell'ordinanza, tra l'altro, c'è un divieto esplicito di transito per  mezzi superiori ai 75 quintali che però sono comunque  in circolazione e  che determinano ulteriori rallentamenti, anzi difficoltà.

Ad Atri (Teramo) un'ambulanza con a bordo tre dializzati è rimasta bloccata nella neve e i pazienti sono stati soccorsi da una jeep della Croce rossa di Silvi (Teramo) che li ha trasportati in ospedale. Mezzi pesanti di traverso si segnalano sulla sp 31 che collega Atri con la Val Vomano.

Nel pescarese i Vigili del fuoco, durante la notte, hanno effettuato alcuni interventi di soccorso a persone che dovevano raggiungere gli ospedali, ma che erano rimaste bloccate in strada. Nelle aree interne la coltre bianca supera abbondantemente i 20 centimetri.

 A Pescara nella notte sono entrati in azione i mezzi spargisale e spartineve del Comune ai Colli e in zona San Silvestro. I Vigili del Fuoco sono impegnati in numerosi interventi nel capoluogo adriatico e in provincia; nelle ultime ore il problema è soprattutto il forte vento. A Furci (Chieti) è stato disposto il divieto di transito sulla strada di collegamento con la Fondo Valle Treste.

Intanto nel Pescarse si seganlano anche numerosi black out dell'energia elettrica con relativi problemi su riscardamenti, comunicazioni e gestioni attività commerciali. Al momento però nessuna comunicazione ufficiale delle società di gestione del servizio elettrico è pervenuta.

A Montesilvano le maggiori criticità si sono presentate e prontamente risolte a Contrada San Giovanni e a Fonte delle More dove il terreno franato è stato ripristinato e messo in sicurezza. Sempre a Montesilvano Colle, nelle zone di Contrada Trave e Via Tommaseo, sono state rimosse dalla strada le piante cadute con il forte vento. Inoltre questa mattina tutte le scuole primarie e secondarie sono state fornite di sale. Tutte le strade della zona collinare sono state pulite, e ripristinata la carrabilità, in collaborazione con la Protezione Civile di Montesilvano che ha supportato i lavori dell’Ufficio Tecnico. 

Il piano neve della Provincia di Pescara è scattato nella notte verso le 3. In alcune località, come Passolanciano e Rigopiano, è caduto più di un metro di neve. Sono in azione circa 16 mezzi, tra quelli dell'ente e quelli privati attivati dai nostri uffici, e al momento non ci sono particolari problemi per la viabilità. Da segnalare, però, che sono caduti degli alberi in strada e questo rende difficili le operazioni.

CENTRALE ELETTRICA DI BUSSI IN TILT: NIENTE ACQUA NE’ CORRENTE ELETTRICA

 Un guasto alle rete elettrica di Bussi starebbe causando notevoli disagi ad una decina di comuni. In seguito al guasto l’Aca ha comunicato che ha dovuto effettuare una drastica riduzione dell’erogazione idrica sulla rete della Valpescara. L’Amministrazione Comunale di Chieti, al fine di evitare lo svuotamento dei serbatoi cittadini, ha deciso la chiusura degli stessi a partire dalle ore 12.00 della giornata odierna. La distribuzione di acqua potabile verrà quindi sospesa su tutta la Città in attesa che l’Enel risolva il problema all’origine.

NEVE, 150 TECNICI AL LAVORO IN ABRUZZO
 
Sono 150 i tecnici Enel in campo in Abruzzo dalle prime ore del mattino per fronteggiare le conseguenze del maltempo e garantire il servizio elettrico.
Le zone maggiormente colpite sono il teramano, anche sulla costa, e l’entroterra teatino. Nel pescarese le principali criticità sono derivate da problemi sulla rete di Alta Tensione, che non è gestita da Enel, per un guasto a Penne. 
Dal Centro operativo dell’Aquila, che monitora la rete di Media tensione 24 ore su 24, vengono gestite le segnalazioni e coordinati gli interventi di rialimentazione a distanza, mentre i tecnici in campo lavorano per la ricerca e la riparazione dei guasti, causati principalmente dalla formazione di manicotti di ghiaccio intorno ai conduttori e caduta di alberi fuori dalle fasce di rispetto. L’intervento dei tecnici proseguirà senza sosta fino al rientro dell’emergenza meteo. 

AREA VESTINA IN 20MILA SENZA CORRENTE ELETTRICA
 
Altro imponente guasto si è verificato nella zona di Penne sulla linea ad alta tensione che è gestito da altro operatore. Nella zona oltre 10 comuni sono rimasti da stamane senza elettricità con disagi immaginabili. Le utenze interessate dal black out, a quanto appreso, sono circa 20mila. Il guasto è dovuto alla formazione di manicotti di ghiaccio sulla linea dell'alta tensione, gestita da Terna, che serve la centrale di media tensione di Penne (Pescara), la quale, a sua volta, distribuisce energia nell'area Vestina. Da Terna fanno sapere che i tecnici sono al lavoro per ripristinare il servizio quanto prima

LE SCUOLE RIMANGONO CHIUSE (aggiornamento continuo)

LANCIANO
CITTA' SANT'ANGELO
CASOLI
CHIETI (anche 27 nov)
SPOLTORE
PENNE
CARAMANICO TERME
CAPPELLE SUL TAVO
CANOSA
FILETTO
ORSOGNA
VASTO
ATRI
ORTONA (anche 27 nov)
GUARDIAGRELE
SILVI
CASALBORDINO
MONTORIO (anche 27 nov)
SULMONA (anche 27 nov)
MOSCIANO SANT'ANGELO (anche 27 nov)
BELLANTE
CAMPLI
CASTELLALTO
NERETO
TORANO
ANCARANO
CORROPOLI
CASTILENTI
CASTIGLIONE MESSER RAIMONDO
MONTEFINO
POPOLI
CARAMANICO
SAN VALENTINO AC
CASTIGLION MESSER MARINO
TERRABRUNA
CELENZA SUL TRIGO
CASALBORDINO
CUPELLO (27 nov)
SAN SALVO
VILLA SANT'ANGELO
TOLLO
ATESSA
TREGLIO
ROCCA SAN GIOVANNI
SAN VITO
L'AQUILA (27 nov)
OCRE (anche 27 nov)
GIULIANOVA (27 nov)