LA PROTESTA

Eolico Civitaluparella, opposizione interroga il sindaco: «tutta la verità sulla vicenda»

Il caso cominciato nel 2009 ha ancora tanti interrogativi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2893

Eolico Civitaluparella, opposizione interroga il sindaco: «tutta la verità sulla vicenda»




CIVITALUPARELLA. Giovedì scorso i consiglieri di opposizione del Comune di Civitaluparella, hanno avanzato una richiesta di convocazione di Consiglio Comunale sul progetto di un impianto eolico in località Colle del vento.
Gli esponenti della minoranza hanno chiesto di chiarire le azioni intraprese dall’Ente o da intraprendere per tutelare gli interessi della Comunità.
La vicenda risale al 2009: dopo un mese dal proprio insediamento l’amministrazione condotta da Mariano Ficca ha approvato con delibera consiliare una convenzione con la Società Energetica s.r.l., per la realizzazione di un parco eolico in località Colle del vento, con il voto contrario di tutta l’opposizione.
Infatti l’impianto eolico era stato ostacolato dall’amministrazione dell’ex sindaco Diana Peschi, la quale si era opposta sia al progetto dell’Energetica srl sia a quello presentato dalla Società Civitaluparella Wind.
«La realizzazione di un impianto eolico in località Colle del Vento è fortemente impattante sul territorio, per le motivazioni che ho spiegato in sede di intervento alla Commissione Via del 3.02.2009», precisa il capogruppo di opposizione Diana Peschi, «tra l’altro, in quella sede, la Commissione fece proprie le osservazioni dell’Amministrazione ed anche per quelle ragioni la Commissione non ha espresso parere favorevole»
Successivamente, hanno ripresentato il progetto, che interessava sempre Colle del vento, sia Energetica srl che aveva una convenzione con il Comune sia Civitaluparella Wind, che non aveva alcuna convenzione.
Il progetto sostenuto dall’Amministrazione Ficca, dell’Energetica srl, non ha ottenuto il parere favorevole della Commissione Via.
«A giungo del 2010», ricorda ancora l’ex sindaco, «è stato discusso il progetto che Civitaluparella Wind aveva riproposto ed in quella sede l’amministrazione comunale non ha fatto pervenire alla Regione alcuna osservazione, né di natura tecnica né di natura ambientale. Ha proposto invece osservazioni relative a rilievi anemometrici la Società Energetica srl, legata al Comune da un rapporto di convenzione ed interessata perciò alla realizzazione dell’impianto eolico nella stessa zona.
In quella seduta la Commissione regionale ha espresso parere favorevole alla realizzazione del progetto Civitaluparella Wind. Il parere dato dalla Commissione di Valutazione di impatto ambientale non è stato impugnato dal Comune».
Nel 2012 mentre il sindaco Mariano Ficca affermava che sta cercando la strada legale per risolvere il problema, legato alla assenza di convenzione con la Società Civitaluparella Wind, l’ex sindaco Peschi, alla vigilia della conferenza dei servizi, ha accusato l’amministrazione di incapacità politica ed amministrativa di difesa del territorio.

Nel maggio del 2012 il Progetto, autorizzato dalla Commissione di valutazione di Impatto ambientale, di Civitaluparella Wind va in Conferenza dei Servizi.
Nell’Ottobre del 2012, ad iter procedurale avanzato, l’Amministrazione comunale adottata una delibera nella quale si dichiara contro il progetto e solleva problematiche di tipo ambientale.
«Le osservazioni», spiega Peschi, «dovevano essere presentate in sede di Valutazione di Impatto Ambientale ed intervengono inutilmente con due anni di ritardo. Questa è storia, reperibile negli archivi informatici, ed a disposizione di tutti, il resto sono solo ”chiacchiere di facciata”, che non tengono conto che i cittadini saranno privati della propria terra, senza nemmeno sapere quale sarà e se ci sarà un vantaggio per loro e per L’ente e la responsabilità politica ed amministrativa è solo dell’attuale maggioranza che non ha saputo difendere gli interessi della Comunità e del territorio».
L’opposizione chiede di sapere perché non sono stati definiti dall’Amministrazione con la Società gli importi dovuti all’Ente a titolo compensativo per l’impatto ambientale che il territorio subirà. E perché il Comune stipulò una convenzione con un’altra società, l’Energetica srl, mentre era stato già depositato in Regione il progetto di Civitaluparella Wind, che interessava la stessa zona? Perché in sede di valutazione di impatto ambientale il Comune non fece pervenire osservazioni al progetto di Civitaluparella Wind? Se aveva da “dire” perché non ha detto nelle sedi utili e significative e nei tempi necessari? Queste sono le circostanze che dovrà spiegare l’attuale maggioranza, in sede consiliare, ai cittadini di Civitaluparella.