VIABILITA'

Chieti, «strade indecenti». Oggi la manifestazione di protesta guidata da Di Giuseppantonio

Parteciperà anche il sottosegretario Legnini

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1659

La frana

La carreggiata franata






CHIETI. Si terrà oggi alle ore 11 a Chieti, presso la Sala del Consiglio del Palazzo provinciale, una giornata di mobilitazione generale per denunciare «lo stato indecente delle nostre strade».
All’incontro, promosso dal presidente della Provincia di Chieti, Enrico Di Giuseppantonio, parteciperanno il sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri, Giovanni Legnini, il presidente della Regione Abruzzo, Gianni Chiodi, i parlamentari della provincia di Chieti, l’assessore regionale alla Viabilità, Giandonato Morra, il prefetto di Chieti, Fulvio Rocco de Marinis, assessori e Consiglieri provinciali, sindaci e rappresentanti delle associazioni di categoria, dei sindacati e delle forze sociali.

L’incontro, come sottolinea anche il Presidente Di Giuseppantonio, è necessario «per far sentire la voce di un’intera comunità sulle condizioni delle viabilità provinciale. Si tratta di circa 2mila chilometri di rete stradale che versano in condizioni disastrate. E’ ora di mobilitarci tutti per dichiarare un vero e proprio stato di emergenza».
«Vogliamo affrontare il problema in maniera lucida, costruttiva e senza sterili polemiche – sottolinea il vice presidente e assessore alla Viabilità, Antonio Tavani – Evidenzieremo insieme le maggiori criticità per farle valere nell’ambito di un documento che sarà sottoposto all’attenzione di Governo e Regione».
«Auspichiamo una presenza forte e convinta anche e soprattutto dei rappresentanti delle istituzioni locali – concludono il presidente Di Giuseppantonio e il vice presidente Tavani – affinché tutti possano farsi interpreti del “caso Chieti”: è una vera e propria questione di civiltà che se non risolta rischia di abbattersi inevitabilmente e ingiustamente sui cittadini e sulle imprese. Se non si vogliono salvare le Province si salvino almeno le provinciali».