INDUSTRIA IN CRISI

Vertenza Pittini: Piccone: «imprenditori interessati a rilevare sito»

Si sta verificando possibilità di ammortizzatori sociali

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1764

Vertenza Pittini: Piccone: «imprenditori interessati a rilevare sito»





CELANO. Si torna a parlare della vertenza Pittini (ex Maccaferri), lo stabilimento di Celano del quale è stata decretata la chiusura con pesanti conseguenze occupazionali per la perdita di circa 86 posti di lavoro.
L’ occasione è stata offerta dal tavolo tecnico convocato in Municipio ieri dal sindaco di Celano Filippo Piccone ed al quale hanno partecipato Giuseppe Sciullo (dirigente regionale) e Tiziano Amorosi (dirigente provinciale), nonché il presidente della Provincia dell’Aquila Antonio Del Corvo.
Lo scopo dell’incontro promosso dal sindaco Piccone era essenzialmente quello di verificare, con l’ausilio dei dirigenti regionali e provinciali, la possibilità di attivare iniziative che potessero assicurare il ricorso agli ammortizzatori sociali ed alla cassa integrazione al fine di utilizzare l’arco temporale di un anno per valutare altre opportunità.
Fra i vari punti affrontati nel corso della riunione è da sottolinear come il sindaco Piccone abbia dichiarato di aver ricevuto richieste da parte di un gruppo di imprenditori interessati a rilevare, dopo una fase esplorativa, il sito industriale della ex Maccaferri.
Per ragioni di «riservatezza industriale» il sindaco ha chiesto ai rappresentanti sindacali di attivarsi per l’apertura di un tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico, luogo in cui potrebbe essere avviata l’eventuale trattativa.
All’incontro hanno partecipato i rappresentanti sindacali Michele Paliani (Uilm), Antonello Tangredi (Fim), Pietro Campanella (Fiom) ed i delegati della Rsu aziendale. Le organizzazioni sindacali ritengono l’incontro molto produttivo soprattutto in considerazione del fatto che per la prima volta si è parlato concretamente del futuro dei lavoratori. Il tavolo tecnico, voluto espressamente dal sindaco Piccone, potrebbe, infatti aprire alla possibilità di un eventuale ricorso agli ammortizzatori sociali per assicurare la continuità lavorativa. Tutto ciò naturalmente necessità delle opportune verifiche, soprattutto da parte di Regione e Provincia, che puntualmente sono partite essendo interessati i Ministeri dello Sviluppo economico e del Lavoro.