LA SENTENZA

Terremoto: crollo con 5 morti a L'Aquila, progettista assolto

Il pm Picuti aveva chiesto 4 anni di reclusione

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2440

Terremoto: crollo con 5 morti a L'Aquila, progettista assolto

Fabio Picuti

L’AQUILA. E' stato assolto per non aver commesso il fatto dal Tribunale dell'Aquila Leonardo Carulli, 86 anni, di Roma.
Lui era l'unico tecnico-progettista rimasto in vita accusato di omicidio colposo per il crollo, provocato dal sisma del sei aprile 2009, dell'edificio di via XX Settembre 123 nel quale morirono cinque persone. La decisione e' stata presa dal giudice monocratico Giuseppe Grieco, ritiratosi in camera di consiglio dopo aver ascoltato i due consulenti, del pm e della difesa, in contraddittorio su alcuni punti. Il pubblico ministero Fabio Picuti aveva chiesto la condanna a quattro anni di reclusione.
Secondo l'accusa l'ingegnere Leonardo Carulli, in qualità di collaudatore statico delle strutture portanti dell’ edificio non avrebbe adempiuto correttamente agli obblighi derivanti dall’incarico ricevuto. Non avrebbe accertato il rispetto della distanza minima delle staffe e lo spessore dei copri ferri; infatti, aveva ricostruito in aula il pm, le strutture avevano una quantità di staffe inferiore al minimo imposto dalla normativa all'epoca vigente e con copri ferro insufficiente; non avrebbe rilevato la realizzazione delle strutture in maniera rispondente alle prescrizioni .
Sempre a Carulli, il pm Fabio Picuti aveva contestato di aver rilasciato il certificato di collaudo statico in base ad un unica prova sui materiali, in particolare sui calcestruzzi eseguita sul quarto piano della struttura.
La difesa aveva sostenuto che in relazione alle leggi antisismiche vigenti negli anni Cinquanta, e risalenti alla fine degli anni Trenta, Carulli andava scagionato completamente. Sotto le macerie hanno perso la vita cinque persone: Piervincenzo Gioia, Katia Cialone, Rosina Di Filippo, Claudia Carosi e Anna Cocco. Altri inquilini sono riusciti a scappare facendosi largo tra i sassi ma riportando traumi indelebili sotto il profilo psicologico.