CRISI E IMPRESE

M&P L’Aquila, scatta lo stato di agitazione dei 25 lavoratori

Maestranze in cassa integrazione dal 2009

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1548

M&P L’Aquila, scatta lo stato di agitazione dei 25 lavoratori




L’AQUILA. Scatta lo stato di agitazione dei 25 lavoratori della società M&P, che gestisce i parcheggi a raso e il megaparcheggio dell'Aquila.
La decisione è stata assunta in seguito ad una riunione con le maestranze, che dal sisma del 2009 sono in cassa integrazione in deroga a rotazione.
«Abbiamo proclamato lo stato di agitazione», spiega Angelo De Angelis, segretario Fit-Cisl della provincia dell'Aquila, «alla luce della precaria situazione che vivono le maestranze, che stanno pagando le ricadute negative derivanti dalla mancata presa di posizione dell'azienda Mobilità e parcheggi e della stessa amministrazione comunale, in merito alla riattivazione dei parcheggi a pagamento, la cui gestione è affidata alla M&P».
La Fit-Cisl ha inviato una lettera, in cui si comunica l'apertura della vertenza, al sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente, all'assessore ai lavori pubblici, Alfredo Moroni, al rappresentante della società M&P, Mauro Santilli, alla Commissione di garanzia sul diritto di sciopero e all'Osservatorio per i conflitti sociali nella mobilità. Una richiesta di incontro urgente è stata, invece, formalizzata, in una nota indirizzata all'azienda e al sindaco dell'Aquila, Massimo Cialente.
«Sollecitiamo un incontro immediato», si legge nella lettera, «per discutere del futuro dei lavoratori M&P e delle conseguenze negative derivanti dalla mancata riattivazione dei parcheggi a pagamento». «Non è accettabile», sottolinea De Angelis, «che siano le maestranze a dover pagare il mancato raggiungimento di un accordo tra la società che gestisce i parcheggi e l'amministrazione comunale. Vogliamo conoscere quale sarà il futuro dei lavoratori, che ormai dal 2009 sono in cassa integrazione in deroga a rotazione. Chiediamo al sindaco, Cialente, di convocare un incontro immediato tra le parti, alle presenza delle organizzazioni sindacali, per sciogliere il nodo sulla convenzione con la M&P, definire quali saranno le funzioni dell'azienda e fornire certezze ai lavoratori».