IL FATTO

Abruzzo. Nuovi locali per la Questura di Chieti nel centro storico

Legnini: «il Ministero salva anche la Direzione del lavoro»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1809

Abruzzo. Nuovi locali per la Questura di Chieti nel centro storico

Giovanni Legnini




CHIETI. Trovati gli spazi per consentire alla Questura di lavorare in condizioni non di precarietà, scongiurare il declassamento dell’Ufficio provinciale del lavoro di Chieti, con contestuale trasferimento della Direzione a Pescara, far acquisire dal Comune la Caserma Berardi e l’ex ospedale militare di Chieti.
Di questo ha parlato con la stampa il sottosegretario Giovanni Legnini (con delega all’editoria ed all’attuazione del programma) che peraltro non è sembrato molto preoccupato per le sorti del Governo di cui fa parte.
«Trovare nuovi locali per la Questura di Chieti, che opera in condizioni logistiche molto precarie è un argomento che da anni, forse decenni occupa le cronache teatine – ha spiegato Legnini – oggi siamo finalmente al capolinea ed è stata trovata una soluzione che sembra ottimale per due motivi: l’allargamento degli spazi e la permanenza della Polizia nel centro storico».
 Infatti c’è la disponibilità del prefetto di cedere un piano dell’attuale prefettura, dove sono ubicati uffici che possono lavorare altrove e cioè negli uffici dell’ex Intendenza di Finanza, ubicati sempre nel centro storico a poche centinaia di metri lungo cors Marrucino.
 Per effettuare questo scambio, lunedì ci sarà un incontro tra gli enti interessati alla presenza di Enrico Di Giuseppantonio, presidente della Provincia e “padrone di casa” dei locali che la prefettura cederebbe, e dei rappresentanti del Demanio per i locali dell’Intendenza. In questo modo si eviterà il pericolo di trasferire tutta la Questura alla Caserma Spinucci, con indubbi vantaggi per la vitalità del centro storico di Chieti, desertificato di uffici, e senza far traslocare il Centro di documentazione dell’Esercito, che opera proprio nella Caserma Spinucci.
Accordo raggiunto anche per bloccare il declassamento della Direzione provinciale del lavoro, che resterà dov’è.
«L’unica cosa che cambia sarà la soppressione di un dirigente – spiega sempre Legnini – visto che invece di declassare Chieti, ho convinto il Ministero del lavoro a creare una direzione interprovinciale Chieti-Pescara. Così il risparmio ci sarà, ma Chieti è salva perché la spending review sarà spalmata sulle due sedi».
 Infine la possibilità per il Comune di acquisire la caserma Berardi e l’ex ospedale militare: basta fare domanda entro il 30 novembre per accedere alle provvidenze del Decreto del fare, dove però in elenco non ci sono questi due edifici. «Il Comune si deve muovere per farli inserire ed io mi muovo per ottenere questo grosso risultato per Chieti».

Sebastiano Calella