LA PROTESTA

Abruzzo. Vigili del fuoco d’Abruzzo in sciopero mercoledì

«Serve una politica responsabile»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1441

Abruzzo. Vigili del fuoco d’Abruzzo in sciopero mercoledì

ABRUZZO. «Serve una legge di stabilita' per il 2014 scritta da un esecutivo responsabile che abbia a cuore anche i problemi della sicurezza dei cittadini, per questo abbiamo deciso di confermare la nostra protesta».
Ad affermarlo è Luigi Conti segretario regionale del Conapo, sindacato autonomo vigili del fuoco, nel confermare le azioni di protesta e sensibilizzazione previste per il prossimo 2 ottobre, nonostante le dimissioni del ministri del Pdl, tra i quali il ministro dell'Interno Alfano. Il sindacato dei vigili del fuoco ha proclamato lo sciopero nazionale dalle ore 9,30 alle ore 13,30 ed è previsto nella mattinata anche un presidio nei pressi delle prefetture delle province dell’Abruzzo, dove hanno chiesto al prefetto di essere ricevuti. Cosi avverrà in tutte le province d’Italia, quale segno che il malessere tra i pompieri è diffuso e dilagante, mentre a Roma il Conapo sarà in piazza Montecitorio.
«I vigili del fuoco –spiega Conti - sono stanchi di una politica inconcludente che si perde in discussioni che poco importano a chi non riesce più a mantenere le proprie famiglie, i nostri iscritti sono pronti per questa campagna di sensibilizzazione dei politici perchè anche i vigili del fuoco vogliono fare la loro parte con responsabilità per garantire la sicurezza dei cittadini».
Il sindacato Conapo rende noto che anche la "Uil Vvf e la Dirstat Vvf hanno dato ai loro iscritti indicazioni di sostegno e partecipazione alla protesta, ritenendo «non più rinviabile la soluzione dei problemi di categoria e grave la situazione del Corpo».
Tra le rivendicazioni del Conapo vi sono le richieste di sblocco delle assunzioni, riforma del volontariato e misure per la parità di trattamento dei vigili del fuoco con gli appartenenti alle forze di polizia. Nonostante lo sciopero, i vigili del fuoco garantiranno, come sempre, i servizi di soccorso alla popolazione.