A SCUOLA

Giuliano Teatino: «Stangata fiscale sulle famiglie alla riapertura delle scuole»

L’opposizione protesta

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2686

SCUOLA AULA

GIULIANO TEATINO. Grido di allarme dei consiglieri di minoranza, della lista “Serenita' e Progresso” del comune di Giuliano Teatino

«Alla riapertura delle scuole nel comune di Giuliano Teatino i genitori degli alunni hanno trovato una brutta sorpresa, questi i numeri: trasporto scolastico per 1 figlio più 17%, con 2 figli più 20%, con 3 figli più 22% con 4 figli più 1 3% Mensa scolastica più 30% Colonia marina più 25%».
Aumenti ingiustificati, spiegano gli esponenti della minoranza, perchè non sono stati attivati servizi aggiuntivi di quantità e qualità.
«Di contro ai genitori è stata richiesta di firmare una liberatoria sulla responsabilità di far scendere i bambini dallo scuolabus anche in assenza di un adulto che li prenda in carico in contrasto con molte sentenze della Corte di Cassazione che ritengono responsabile l'autista dello scuolabus quand'anche vi sia stata la disposizione dei genitori di lasciare il bambino incustodito ( sezione feriale n°32822) . Questa è la politica scolastica dell'Amministrazione Comunale di Giuliano Teatino: aumenti ma senza nessuna responsabilità».
Per la minoranza «dopo la stangata Imu con un aumento del 100% le famiglie hanno subito alla riapertura delle scuole questo ulteriore e pesantissimo colpo. Le famiglie si aspettavano un ribasso delle tariffe visto che le spese sono diminuite specialmente nella mensa scolastica visto che la cuoca è una lavoratrice LSU.- continuano i consiglieri di minoranza - Il sindaco Nicola Andreacola dopo poco più di un anno di amministrazione sarà ricordato come il sindaco delle tasse con l'introduzione di una pressione fiscale senza eguali precedenti storici nel paese delle ciliege ma nonostante ciò nulla ha realizzato se non passerelle e festicciole. Visti questi precedenti i giulianesi temono la prossima stangata Tares. Molti l'hanno battezzata “ la guerra del pane”, anche alcuni fedelissimi, perchè ,adesso, dietro le belle parole ci sono i numeri e i numeri non».