CRISI E INDUSTRIA

Futuro della Merker, incontro tra Istituzioni e Cir

Destino incerto per le aziende che operano nell’Alta Val Pescara

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

3319

Futuro della Merker, incontro tra Istituzioni e Cir

Merker

TOCCO DA CASAURIA. Un incontro per fare il punto della situazione sullo stato delle aziende che operano nel territorio dell’Alta Val Pescara, con particolare riferimento alla Cir (Compagnia Italiana Rimorchi, ex Merker) di Tocco da Casauria.
Si è tenuto lunedì 16 settembre nel Municipio di Tocco da Casauria.
A prendervi parte, su invito del sindaco Luciano Lattanzio e dell’amministrazione comunale, sono stati il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Giovanni Legnini, l’onorevole Antonio Castricone, il consigliere provinciale Antonello Linari e il responsabile Risorse Umane e Relazioni Industriali ed Esterne del gruppo Cir, Alfonso Orfanelli.
Nello specifico, ai rappresentanti di Governo, Parlamento e delle istituzioni locali è stato illustrato lo stato dell’azienda che opera nel settore automotive e rappresenta un’impresa leader in Italia nella produzione e commercializzazione di rimorchi e semirimorchi con i marchi Cardi, Merker, Piacenza e Viberti e quello del settore in cui essa opera, tenendo conto del perdurare di una crisi che sta penalizzando la Cir dalla fine del 2008.
Sono stati, inoltre, analizzati i risultati commerciali e produttivi degli ultimi mesi e le previsioni di mercato nel breve e medio termine, in considerazione di un’auspicata generale ripresa economica e, di riflesso, del settore dell’autotrasporto merci.


«Le condizioni attuali del mercato - hanno sottolineato i rappresentanti Cir - vedono una tendenza leggermente positiva rispetto al disastroso 2012, grazie soprattutto ad un aumento della presenza dell’azienda che produce a Tocco da Casauria in mercati esteri e al leggero aumento delle quote di mercato interne. Tuttavia si è parlato di numeri non ancora sufficienti per ritenere superato il difficile momento ma che fanno guardare con più ottimismo al futuro».
Ma è stato messo anche in evidenza come sia sempre più difficile tenere testa alla situazione di crisi nonostante il forte impegno della famiglia Margaritelli, che dal 2005 sta continuando ad investire nel progetto industriale di Tocco da Casauria, dove attualmente sono impiegati 181 lavoratori che fanno cassa integrazione a rotazione.
«Come già in passato, – ha sottolineato il primo cittadino Lattanzio – ho manifestato piena e pronta disponibilità dell’amministrazione comunale nei confronti dei lavoratori e dell’azienda Cir, ma più in generale con l’incontro del 16 settembre si è inteso far rilevate alle Istituzioni sovracomunali le difficoltà che ormai da troppi anni attanagliano le aziende che operano nel territorio dell’Alta Val Pescara vista la crisi di sistema che coinvolge tutti».
Da parte sua Legnini si è detto disponibile a ricevere i vertici Cir a Roma in un prossimo tavolo istituzionale.