IL DRAMMA

Abruzzo. Perde il lavoro e si suicida nel garage di casa

Il drammatico gesto compiuto per «disperazione»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

7338

CRISI SETTORE EDILIZIO, EDILIZIA


CAPPELLE SUL TAVO. Un gesto disperato che sarebbe stato dettato da condizioni di vita altrettanto disperate: senza lavoro e senza stipendio da 12 mesi.
I carabinieri di Spoltore, intorno alle ore 20 di lunedì hanno rinvenuto cadavere, all’interno del garage della propria abitazione, un uomo di 37 anni.
Il corpo è quello di E.P.C., coniugato di Cappelle sul Tavo. Dai primi accertamenti condotti l’uomo è stato spinto a compiere il drammatico gesto a seguito di difficoltà economiche. Secondo quanto raccontato ai carabinieri dalle persone a lui vicine l’uomo si trovava in grosse difficoltà a causa della perdita di lavoro.
La vittima lavorava come carpentiere presso una ditta edile della zona, poi circa 18 mesi fa è arrivato il licenziamento. Per alcuni mesi ha percepito la cassa integrazione, ma da circa un anno era privo di reddito, così come non aveva uno stipendio fisso la moglie 33enne. Da qui la decisione di farla finita gettando nella disperazione i suoi familiari che lo hanno ritrovato morto nel garage di casa.
Sul posto i militari hanno rinvenuto due messaggi del deceduto rivolti ai suoi parenti. La salma, su disposizione del pm Annalisa Giusti è stata restituita ai propri cari.
Si tratta della seconda tragedia di questo tipo registrata solo nel mese di settembre sempre a Cappelle sul Tavo.
Meno di 15 giorni fa, infatti, un commerciante di 52 anni si è tolto la vita a causa delle difficoltà economiche incontrate negli ultimi tempi. L’uomo, secondo la ricostruzione dei carabinieri, da un paio di anni aveva problemi economici legati alla sua attivita', un negozio di ortofrutta a Cappelle.
Il giorno del suicidio è uscito di casa verso le 5 di mattina con il suo furgone per andare ad acquistare la merce al mercato all'ingrosso, a Villanova di Cepagatti, e lungo la strada si e' impiccato all'interno del proprio mezzo.