GORGO VILLA PINI

Abruzzo. Villa Pini, martedì 17 Santa Camilla firma il contratto di acquisto

Nicola Petruzzi saluta i dipendenti e rivendica il rilancio della clinica

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6551

Abruzzo. Villa Pini, martedì 17 Santa Camilla firma il contratto di acquisto

Nicola Petruzzi




CHIETI. La firma dell’atto di acquisto di Villa Pini ci sarà martedì prossimo 17 settembre alle ore 17. Si tratta della conclusione formale dell’aggiudicazione della clinica a Santa Camilla spa con la sottoscrizione dell’atto predisposto dal notaio Alfredo Pretaroli su richiesta del curatore fallimentare Giuseppina Ivone.
La notizia in effetti era già nell’aria ma era una delle ipotesi meno credibili formulate giovedì al Tribunale di Chieti al termine della Camera di consiglio convocata per il ricorso di S. Maria de Criptis contro la sua decadenza dall’aggiudicazione della clinica (se ne riparlerà il 24 settembre).
Invece ieri la data – a prova di superstizione - per l’atto notarile conclusivo ha ricevuto conferma dalla lettera di saluto ai dipendenti di Villa Pini, firmata Nicola Petruzzi e apparsa all’improvviso nel pomeriggio, semplicemente affissa vicino al marcatempo della clinica situato al primo piano.
Indirizzata a «tutti i dipendenti del Policlinico Abano Terme spa delle strutture di Chieti», la lettera comunica che la gestione provvisoria di Villa Pini da parte del Policlinico Abano Terme cesserà il 17 settembre. E con lo stile ed il contenuto dell’informativa burocratica si sofferma sul destino del contratto di lavoro in essere con i dipendenti, sul versamento del Tfr e sull’indennità sostitutiva delle ferie non godute. Poi il tono cambia decisamente e la lettera si conclude con un saluto affettuoso e con una punta di orgoglio, condiviso però con tutti i dipendenti: «si ringrazia per l’impegno e la dedizione profusa da ciascuno nel proprio ruolo, rendendo così possibile il recupero e il rilancio di un’Azienda che rappresenta una delle punte avanzate della Sanità abruzzese».
 Subito il tam tam interno alla clinica, gli sms e le mail di chi era in servizio nel turno pomeridiano hanno diffuso la notizia del 17 e del saluto e qualcuno in un messaggio ha scritto: «nulla da togliere ai nuovi proprietari, ma quando Petruzzi andrà via, una parte di cuore rimarrà con lui».

IERI POMERIGGIO RIUNIONE OPERATIVA PER IL PASSAGGIO DI CONSEGNE
In contemporanea - sempre ieri pomeriggio e sempre al primo piano, ma negli uffici della curatela - si stava svolgendo un incontro organizzativo per il passaggio delle consegne. Il che era di fatto una conferma indiretta dell’approssimarsi della firma, oltre che dell’attenta preparazione dei nuovi acquirenti al subentro nelle attività della casa di cura.
Alla riunione – che si è protratta fino alle 21,30 - Santa Camilla era rappresentata dalla Sinergo e da Concetta Petruzzi di Villa Serena, con il consulente Pierluigi Balietti, mentre per lo staff del curatore c’era Francesco Cancelli. Molti gli argomenti trattati, soprattutto sui problemi della continuità assistenziale: dalle offerte di contratto ai medici attualmente in servizio e disponibili a cambiare casacca, alle notizie richieste sui reparti attivi, sui ricoverati e sulle loro condizioni di salute. Argomento già oggetto di corrispondenza con il Policlinico Abano Terme che aveva comunicato tempestivamente i numeri e le lettere iniziali identificative di ciascun ricoverato, omettendo però le diagnosi per evidenti motivi di privacy.
Viaggiano, invece, su un altro binario le trattative sul contenuto dell’atto di acquisto, dove potrebbero apparire alcune clausole di salvaguardia per gli acquirenti, come la richiesta al curatore di non effettuare subito la ripartizione tra i creditori della cifra incassata. Questo per cautelarsi su un’eventuale restituzione dei 31 mln versati per l’acquisto se sarà accolto il ricorso di S. Maria de Criptis contro la sua decadenza dall’aggiudicazione di Villa Pini. Anche perché ieri gli esclusi hanno fatto pervenire un’altra diffida alla stipula del contratto, trasformando questa telenovela in un ingorgo giudiziario difficile da districare.

Sebastiano Calella