GROVIGLI

Abruzzo. La Smart della Fira: ecco chi c’è dentro la nuova società fondata dalla finanziaria regionale

Tutti i nomi e le quote. Piovono 800mln gestiti dalla... Fira

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

14103

Abruzzo. La Smart della Fira: ecco chi c’è dentro la nuova società fondata dalla finanziaria regionale

Alcuni soci Smart



ABRUZZO. Non c’è stata una grande pubblicità sui giornali. Sta di fatto che la Fira, la finanziaria regionale, ha deciso di partecipare con le sue quote alla costituzione di una nuova società la Smart scarl, una società consortile a responsabilità limitata.
Una scelta che si è dimostrata subito vincente visto che la stessa società si è aggiudicata un importante successo arrivando prima in graduatoria per l’assegnazione di fondi comunitari gestiti dalla stessa Fira.
Il giorno 9 luglio 2013 il comitato di valutazione (composto da Nicola Commito, Federico Di Federico, Daniele Antinarella, Tommaso De Luca, Adriano Marzola) nell’ambito della attività 1.2 del Por Fesr Abruzzo 2007-2013 “Sostegno alla creazione di Poli di Innovazione” ha approvato la graduatoria che vede con 94 punti al primo posto la Smart scarl, con 86 punti la Capitank scarl. Seguono la “Internazionalizzazione imprese abruzzesi, la Art Italia Soc. Coop, e la Inoltra Innovazione per l’organizzaione logistica e dei trasporti.
Tutti, tranne l’ultima, premiati con un finanziamento di 800mila euro.
L’ex senatore dell’Idv Alfono Mascitelli ha però puntato il dito contro la gestione dei fondi da parte di Fira parlando di «conflitti di interessi» e di «trasparenza nulla» sugli atti di gestione della Fira spa contestando alla giunta «inerzia» e «silenzio».

LA SMART DI FIRA
Non è una macchina ma pare andare veloce e spedita la Smart di Fira spa. Una delle poche tracce ufficiali che si ritrovano sul sito porta la data di maggio 2013 e si legge

Invito alla manifestazione di interesse per adesioni a SMART SCARL
Polo di innovazione Dominio Energia - SMART Scarl
Nell’ambito del bando POR FESR 2007/2013 attività I.1.2. “Sostegno alla creazione dei poli di innovazione”, con nota n. RA/115187 del 3 maggio 2013 della Direzione Sviluppo Economico e del Turismo, è stato individuato il Consorzio SMART Scarl come soggetto gestore del Polo di innovazione – Dominio Energia.
Con successiva nota n. RA/117.786 del 7 maggio 2013 è stata comunicata l’ammissione del Consorzio alla fase negoziale (fase 2), che prevede la possibilità di integrare la partnership a tutte le imprese interessate, attraverso l’acquisizione di quote di capitale.
Pertanto si rende noto che è possibile manifestare interesse di adesione al Consorzio SMART, attraverso successiva sottoscrizione di nuove quote, presentando formale richiesta ai seguenti indirizzi:

SMART Scarl
C/O FIRA S.p.A.
via Enzo Ferrari, 155 – 65124 PESCARA

oppure

indirizzo di posta certificata smartscarl@pec.it



Si invitano dunque le ditte a partecipare al consorzio che tuttavia si è costituito oltre un anno prima e cioè il 18 luglio 2012. Difficile dire chi si sia aggiunto inseguito all'avviso.
Tra i suoi scopi la società di propone di operare nel campo dell’energia partendo subito con un pirocombustore a Bussi e inoltre si propone di stimolare l’attività innovativa e di incoraggiare l’interazione intensiva, l’uso in comune di installazioni e lo scambio di conoscenze ed esperienze.
Il capitale sociale deliberato, sottoscritto e versato in denaro è di 40mila euro e fin dall’inizio ne fanno parte oltre una trentina di imprese scelte, non si sa con quali criteri, e allertate, non si sa da quali informazioni.
Tra i soci del consorzio anche società extraregionali.
Chissà magari avendolo saputo per tempo il carnet dei soci del consorzio poteva essere di gran lunga più nutrito e magari portare benefici a molti altri.

LE IMPRESE DELLA SMART

Compongono la Smart fin dalla sua nascita la Solis spa di Casoli (quota di 250 euro), Paideia srl di Spoltore (3mila euro), M.F.V. snc di Montani Marco & c società agricola di Spoltore (1000 euro), Ssoft soluzioni software di Pescara (250 euro), C.E.a. group srl di Guardiagrele (250 euro), Zanini Leopoldo di Porto Sant’Elpidio (250 euro), Servizi aziendali Porreca srl di Casoli (250 euro), Solisistemi srl di Palombaro (250 euro), Eco energy srl di Carpinto Sinello (250 euro), Di Febo Donato di Città Sant’Angelo (250 euro), Trancanella Anna di Pescara (250 euro), Muovosviluppo scrl di Padova (250 euro), Virgolacom srl di Pescara (250 euro), A.S.L.A. srl di Lama dei Peligni (250 euro), Technolabs spa di Roma (2000 euro), Soc coop C.a.s.a. costruire e abitare sano di Pescara (250 euro), Soave Engineering srl di Atessa (250 euro), Rara system srl di Rocca Montepiano (250 euro), B.A.G. snc di Buccella Andrea e Gianluca di Loreto Aprutino (250 euro), Provincia e Ambiente di Pescara (250 euro) , Astra energia spa di L’Aquila (1600 euro), Infomedia srl di L’Aquila (1200 euro), Euroconsulting srl di L’Aquila (1200 euro), Inn-forma elearning school di Tortoreto (4000 euro), Eventitalia scrl di Teramo (250 euro), Nuova energia Construction & engineering spa di Lanciano (250 euro), Industria componenti elettrici srl di Loreto Aprutino (500 euro), Sigistel srl di Pescara (250 euro) , Enalter power srl di Pescara (250 euro), Ecologica Sangro di Lanciano (1000 euro), Rieco spa di Pescara (500 euro) , Gena srl di Teramo (500 euro) , Teknoelettronica srl di Teramo (500 euro), T.D.S. srl Teramo (500 euro) , PV engineering srl di Termoli (250 euro), Beta Ambiente srl di Atessa (4000 euro) , Deco spa di Spoltore (1000 euro), Benefit di Vecchiano (Pi) (250 euro) , New Trade di Prato (250 euro) , Digi power srl di L’Aquila (250 euro), Del Signore srl di Sulmona (250 euro), Fira Spa (8750 euro), Mastrocola Stefano di Bucchianico (250 euro), Cutella Angelo di Loreto Aprutino (250 euro), Montixa srl di Pescara (250 euro), Biomass refeel srl di Pescara (500 euro), A.m.t. renew srl di Pescara (500 euro), Parco scientifico e tecnologico d’Abruzzo di L’Aquila (250 euro), Car.da energia srl di Popoli (250 euro).



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il presidente è Rocco Micucci mentre i consiglieri sono : Marco Montani, Francesco Cuppone, Alessandro Di Francesco, Pierino Ferrara, Danilio di Florio, Fabrizio Bomba.
Molti le società note come quelle del gruppo Di Zio (Alessandro di Francesco Ad di Rieco e Ecologica Sangro è nel consiglio di amministrazione) e altre come la New Trade che forse cercavano fortuna in Abruzzo ma hanno trovato qualche imprevisto di troppo.
Forse per la prima volta si assite ad un connubio così stretto tra pubblico e privato in operazioni imprenditoriali miste e al momento senza alcun controllo esterno (la Regione Abruzzo è pur sempre l'azionista della Fira...)
Tra i soci della Smart anche Montixa srl con sede legale in Pescara in via Venezia n.4 dove hanno sede numerose società importanti locali, studi di commercialisti e avvocati.
C’è anche il commercialista Andrea Di Prinzio che è nel Cda Fira che forse conosce bene il collega Vincenzo Di Majo che ha lo studio allo stesso indirizzo e risulta proprietario della N.S.I. nuove soluzioni immobiliari che è la controllante della Montixa srl.
Tra i proprietari della Smart diversi si occupano di rifiuti altri di edilizia, altri ancora di energia rinnovabile o meno.
Tra i consiglieri figura anche Francesco Cuppone, nato a Catania il 19/05/1954 domiciliato a Roma allo stesso indirizzo della Intecs S.p.A.che controlla la Technolabs spa che è socia della “nostra” Smart scarl.
Intecs e Technolabs sono società che si occupano di tecnologie avanzate, strumentazione satellitare e spaziale e tra i loro clienti si trovano ministeri e Finmeccanica, Telecom ed Ericcson, Pirelli e la Thales.
Vederci chiaro per ora è una utopia. E fidarsi è un obbligo