GLI INTERROGATORI

Tangenti Ater- Aca. Di Cristoforo si difende: «non ho mai preso un euro e non mi dimetto»

Marasco ha ammesso delle responsabilità

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8114

ezio di cristoforo

Di Cristoforo in tribunale




PESCARA. «Non ho mai preso tangenti e non sono io l’’Orso Marsicano’. Non mi dimetto, saranno i sindaci a decidere».
Queste le poche parole pronunciate ieri del presidente dell'Aca (Azienda Comprensoriale Acquedottistica), Ezio Di Cristofaro, al termine dell’interrogatorio di garanzia nel tribunale di Pescara.
Di Cristoforo è agli arresti domiciliari dal 17 luglio scorso nell'ambito dell'operazione "Shining light" su presunte tangenti e appalti truccati. L'interrogatorio davanti al gip del tribunale di Pescara Luca De Ninis è andato avanti per circa un'ora.
Di Cristoforo ha dunque sostenuto di non aver mai intascato mazzette ma soprattutto di non essere lui l’Orso marsicano’, soprannome che gli aveva dato l’imprenditore Claudio D’Alessandro che ha svelato agli inquirenti pescaresi il pagamento di tangenti.
L’avvocato di Di Cristoforo, Sergio Della Rocca, ha detto che presentera' una memoria e alcuni documenti. Oltre al presidente dell'Aca sono state interrogate anche le altre cinque persone finite ai domiciliari.


Si tratta dell'ex amministratore unico dell'Ater di Chieti Marcello Lancia; del dirigente dell'Ater di Chieti Ernesto Marasco; del geometra dell'Ater di Chieti Alessandro Faraone; del geometra del settore Lavori Pubblici del Comune di Montesilvano (Pescara) Salvatore Tasso e del tenente colonnello dell'esercito William Basciano.
Lancia, che subito dopo l'arresto si e' dimesso dal suo ruolo, si e' avvalso della facolta' di non rispondere. Da parte sua Marasco ha ammesso delle responsabilità relativamente al sistema di gestione delle gare d'appalto, ma ha respinto l'accusa di corruzione.
Marasco, difeso dall'avvocato Marco Femminella, è stato interrogato oggi anche dal pm. Ha respinto le accuse anche Faraone. Il suo legale, l'avvocato Giacomo Cecchinelli, ha detto che presentera' istanza di revoca o sostituzione della misura cautelare.
Davanti al gip e' comparso poi Salvatore Tasso, che ha annunciato al giudice le sue dimissioni da Responsabile unico del procedimento (Rup). Il suo legale, l'avvocato Ugo Di Silvestre, ha detto che presenterà istanza di revoca o sostituzione della misura cautelare. Infine anche il tenente colonnello Basciano ha respinto le accuse. La parte dell'inchiesta relativa all'Ater di Chieti sarà trasferita per competenza alla procura teatina. La vicenda conta in totale dodici indagati che devono rispondere, a vario titolo, di corruzione, concussione, turbata libertà degli incanti, falso, truffa.