IL GRAN RIFIUTO

Abruzzo. Marchionne in Val di Sangro e Boldrini rifiuta l’invito

«No alla gara al ribasso sui diritti»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2579

Laura Boldrini

Laura Boldrini




ATESSA. Laura Boldrini declina l'invito fattole da Sergio Marchionne di visitare lo stabilimento in Val di Sangro.
L’ad di Fiat martedì prossimo sarà alla Sevel per annunciare i futuri progetti che la joint-venture con la Psa ha intenzione di realizzare al fine di potenziare l'insediamento produttivo abruzzese.
L’azienda del gruppo produce il Ducato e con i suoi oltre 6.000 addetti, è la più importante fabbrica metalmeccanica del centro Italia.
La Boldrini annuncia che non parteciperà «per impegni istituzionali già in agenda» ma dice anche no alla «gara al ribasso sui diritti».
La presidente ha sottolineato nella risposta - diffusa oggi dall'ufficio stampa di Montecitorio - il suo «interessamento ai temi del lavoro, in questa particolare fase di crisi economica. Non si tratta soltanto di sensibilità personale. Ritengo - spiega infatti Boldrini - un dovere per chi rappresenta le istituzioni dedicare il massimo impegno al tema del lavoro in tutte le sue declinazioni: la disoccupazione giovanile, la precarietà, la perdita del posto per persone non più giovani e con famiglia. Così come il lavoro da reinventare e ripensare sotto nuove forme e in chiave di innovazione e di produttività». 


«Cerco, per questa ragione, di sollecitare, per quanto è nelle mie facoltà, l'esame di proposte di legge di iniziativa governativa o parlamentare che si propongono di stimolare e incoraggiare nuova occupazione. E cerco - spiega ancora - quanto più possibile di incontrare sia le delegazioni di lavoratori che vengono a Roma per far sentire la loro voce al Governo e al Parlamento, sia i piccoli e medi imprenditori che tentano una via di uscita dalla crisi. Sarebbe grave se in un momento così difficile per le famiglie italiane i Palazzi della politica si chiudessero in se stessi e non si mostrassero aperti a tali istanze», avverte.


«Per ogni fabbrica che chiude e per ogni impresa che trasferisce la produzione all'estero - sottolinea Boldrini - centinaia di famiglie precipitano nel disagio sociale e il nostro sistema economico diventa più povero e più debole nella competizione internazionale. Siamo consapevoli - prosegue - che bisogna invertire quanto prima questa tendenza e ognuno di noi può fare qualcosa di utile. La politica, certamente, ma anche il mondo sindacale e quello imprenditoriale. Tutti siamo chiamati a sfide nuove. La mia esperienza di vita e di lavoro mi ha spinto a guardare tutto questo in un'ottica globale e a rendermi conto che non servono soluzioni di corto respiro. Il livello e l'impatto della crisi sono tali da imporre un progetto del tutto nuovo, una politica industriale che consenta una crescita reale, basata su modelli di sviluppo sostenibile tanto a livello economico, quanto sociale e ambientale. Tutto questo mi porta a guardare con particolare interesse alla condizione e al ruolo della Fiat, sia in Italia sia all'estero, e ascoltare le ragioni di quanti partecipano attivamente a una realtà così importante».