ARRESTI

Bancarotta fraudolenta Real Food, due teramani in manette

400 mila euro sottratti a creditori

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2045

pattuglia finanza gdf




ASCOLI PICENO. L'accusa è quella di bancarotta fraudolenta aggravata per il fallimento nel 2012 della Real Food srl di San Benedetto del Tronto (commercio all'ingrosso di generi alimentari).
La Guardia di finanza e la polizia hanno arrestato per questo due responsabili della società, Roberto C. e Luca D., residenti nel Teramano.
Il secondo ha ottenuto gli arresti domiciliari. Una volta acquisito il controllo della Real Food, secondo l'accusa nel giro di qualche mese i due avrebbero messo a segno una serie di truffe commerciali ai danni di fornitori italiani e stranieri di generi alimentari, per un ammontare di circa 400.000 euro.
La merce, acquistata e mai pagata, veniva ceduta ad operatori del settore attraverso fatturazioni all'apparenza regolari: il denaro contante però finiva nelle tasche dei due indagati.
Gli elementi indiziari acquisiti dal Nucleo di polizia tributaria della Gdf di Ascoli Piceno e dal Commissariato di San Benedetto del Tronto, coordinato dalla Squadra mobile di Ascoli, hanno convinto il procuratore di Ascoli Michele Renzo e il sostituto Carmine Pirozzoli a chiedere al gip Giuliana Filippello le due ordinanze di custodia.