LA PROTESTA

Abruzzo/Rifondazione: «no al ricatto della arrogante Laterlite»

Il caso dell’ampliamento contestato della cava di Lentella

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

1958

Abruzzo/Rifondazione: «no al ricatto della arrogante Laterlite»

Marco Fars

 




ABRUZZO. La Regione “avvisa” la Laterlite e l’ampliamento della cava così come richiesto è a rischio. Scatta la cassa integrazione per mancanza di lavoro e la protesta divampa.
A prendere posizioni nette contro la società che gestisce la cava di Lentella è Rifondazione comunista che parla addirittura di vero e proprio «ricatto» della società che strumentalmente contrappone i temi del lavoro all’ambiente.
Secondo la segreteria regionale di Rc «il caso Laterlite di Lentella è emblematico di un modo di ragionare che con Ilva sta facendo scuola. Si mettono l’uno contro l’altro, lavoro e ambiente. Nei fatti si tratta di un vero e proprio ricatto, che dovrebbe essere biasimato, anziché in certo qual modo alimentato con un atteggiamento poco analitico e per niente documentato».
La Laterlite oggi non si trova di fronte ad una bocciatura della cava: il Comitato VIA si è espresso con un “preavviso di rigetto” dell’ampliamento della cava. Come lo stesso Comitato VIA specifica, la Laterlite può presentare osservazioni al superamento dei motivi dello stesso preavviso. E solo nel caso in cui Laterlite non produca tali osservazioni o queste non siano ritenute accoglibili, sarà emesso da parte del Comitato VIA il provvedimento definitivo di diniego.
«Insomma», dice il segretario Marco Fars, «se Laterlite tiene così tanto al mantenimento della produzione e dei livelli occupazionali nel nostro territorio, non deve fare altro che fornire prove documentali del sostenibile impatto ambientale dell’ampliamento della cava. Una procedura (sembra strano, ma bisogna ricordarlo) prevista dalla legge per numerose tipologia di opere e situazioni e non pretesa in via eccezionale per Laterlite».


L’ampliamento della cava «preteso» da Laterlite ha avuto in questi anni un processo molto travagliato.
Nell’ottobre 2010 il Comitato VIA evidenziò che, nonostante l’area oggetto della cava in questione insista «in zona sottoposta a vincolo idrogeologico», «sono già stati effettuati dei lavori di gradonatura per i quali non è stata fornita documentazione autorizzativa», così recitava il verbale.
«Insomma, quei lavori, a leggere le note del Comitato VIA, erano in odor di abuso», rimarca Rifondazione.
Ad oggi, a distanza di mesi dalla prima sospensione del febbraio 2013 della procedura VIA per evidenti carenze nella documentazione prodotta da Laterlite, siamo al “Preavviso di rigetto” definitivo perché, dichiara il Comitato VIA, «persistono le motivazioni di rigetto» di tre anni fa, «in considerazione del fatto che il presente ampliamento è di circa un terzo superiore al progetto precedentemente esaminato».


«Insomma, si legge una certa arroganza nell’atteggiamento di Laterlite», dicono le segreterie locali del Prc, «che evidentemente considera il nostro territorio come fosse di sua proprietà, dove poter fare ciò che vuole e minaccia chi ostacola la sua volontà. Ma le responsabilità di quanto sta avvenendo non è solo della Laterlite; le colpe sono anche della Regione Abruzzo, che non ha voluto predisporre un piano cave che manca all’Abruzzo da decenni. Siamo in un far west in materia, per mancanza di programmazione e così l’Abruzzo, da regione Verde d’Europa è diventata la regione più bucata d’Europa. Una condizione favorita dalla complicità tra PD e PDL ed al loro fare ossequioso nei confronti dei cavatori, che qualche mese fa affossarono la richiesta di moratoria in attesa di un piano cave, presentata dal consigliere regionale di Rifondazione Comunista, Maurizio Acerbo».
Eppure secondo Rifondazione la soluzione al caso Laterlite sarebbe semplice: «la Regione si doti finalmente di un piano cave; intanto l’azienda rispetti le procedure imposte dalla legge, come chiunque e non usi il lavoro come un rapinatore usa un ostaggio».