FLY DOWN

Aeroporto d’Abruzzo, traffico ancora in calo: -8% primo quadrimestre 2013

Di Iacovo, «la crisi non c’entra, Comune faccia sentire la propria voce»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2273

Aeroporto d’Abruzzo, traffico ancora in calo: -8% primo quadrimestre 2013




PESCARA. E’ stata presentata dal consigliere comunale di Sel Giovanni Di Iacovo una mozione sulla situazione dell’Aeroporto d’Abruzzo e sull'impegno che l’amministrazione di Pescara deve avere nella vicenda.
«Pescara non può restare a guardare – afferma Di Iacovo - la progressiva desertificazione del nostro Aeroporto. In soli 18 mesi sono stati cancellati voli per Toronto, Bucarest, Torino, Verona, Eindhoven, Creta e Spalato oltre che numerosi altri charter e voli merci. Decimate anche le compagnie aeree, ne rimangono solo tre: Alitalia e Belleair che fanno una sola tratta (rispettivamente Linate e Tirana) e poi Ryanair che, nonostante varie riduzioni (come ad esempio la tratta di Oslo) rimane il cuore del traffico aeroportuale abruzzese».


I voli diminuiscono e i passeggeri di conseguenza.
L’eliminazione dei numerosi collegamenti ha portato a un rapido declino dell’utilizzo dell’ aeroporto, si ripercorre nella mozione: basti pensare che il dato dei passeggeri del +32% di Gennaio 2012 (+43% per i voli internazionali) si è trasformato in un -6% di Luglio 2012.
Ad aprile si è arrivati al -12,6%, ben otto punti percentuali in meno da gennaio, quando si registrava già un ulteriore -3% rispetto all’anno precedente, (dati Assaeroporti). Senza contare la perdita dei charter austriaci che garantivano all’aeroporto circa 10.000 transiti annui.
«La causa di questo impoverimento della frequentazione complessiva del nostro aeroporto è dovuta alla riduzione dei voli e non è certo genericamente imputabile alla “crisi”», denuncia Di Iacovo, «le poche tratte che rimangono, infatti, vedono un costante aumento dei loro passeggeri aumentati nel 2012 del 2% raggiungendo punte del 5% in tratte come quella per Londra».
Delle “rotte promesse” da anni, ossia Sicilia, Mosca e Roma non c’è traccia e quindi, nel frattempo, è stato il vicino e più dinamico Aeroporto di Ancona ad accaparrarsi queste ultime due tratte.


«Il settore merci è praticamente scomparso a favore di aeroporti limitrofi», analizza ancora il consigliere comunale, «penalizzando le attività commerciali con nuove e gravi chiusure di attività, e, in ultimo, dobbiamo tenere ben presente come l'impoverimento dell'aeroporto metta al rischio il lavoro di tantissime persone ad esso collegate».
Per l’esponente di Sel bisogna muoversi prima che sia troppo tardi: «bisogna capire che funzione deve avere il nostro aeroporto, in che modo può essere occasione di crescita per tutto il nostro territorio. Non può semplicemente sopperire all’isolamento ferroviario della nostra città con voli interni, ma deve saper intercettare flussi turistici esteri per poter promuovere efficacemente l’attività turistica che la nostra città merita, per una crescita non solo economica ma anche sociale e culturale».
Di Iacovo chiede al Comune di Pescara di far pesare il proprio ruolo nelle scelte dell’Aeroporto e «lavorare per fargli ritrovare la sua centralità, tornando a investire nei voli internazionali ma anche creando sinergie con l’Aeroporto di Ancona, facilitando e velocizzando i collegamenti con esso, eliminando le rotte “doppione” e moltiplicando l’offerta a beneficio dei nostri territori»