SICUREZZA IN CITTA'

Abruzzo/Furti e rapine, Pescara tra le 15 province più pericolose d’Italia

Nel Teramano illeciti calati del 9% in 12 mesi

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

6308

La casa dell'omicidio




ABRUZZO. Il Sole 24 Ore pubblica oggi uno speciale sulla sicurezza nelle città, con le analisi sugli incrementi di furti e rapine.
La provincia di Pescara si posiziona al 15° posto tra tutte le italiane in base all’incidenza dei reati denunciati in rapporto alla popolazione (ogni 100 mila abitanti) e risulta dunque ben più pericolosa di altre realtà che vengono considerate, a torto o a ragione, più ‘difficili’. La provincia di Napoli, ad esempio, è al 36° posto, mentre Palermo al 32°.
Nel 2012, nel capoluogo adriatico sono stati denunciati in totale 17.171 reati (5.442 per 100 mila abitanti) con un + 1,53% rispetto al 2011.
Ma l’incremento maggiore negli ultimi 12 mesi si registra a Chieti: +2,05%. La provincia teatina si piazza tuttavia al 62° posto della graduatoria italiana con un totale di 14.410 delitti denunciati (3.712 ogni 100 mila abitanti).
Reati in calo, invece, nella provincia di Teramo che fa registrare addirittura un -9,17% con 11.997 reati denunciati (3.911 ogni 100 mila abitanti). Il Teramo si piazza dunque al 52° posto della classifica nazionale. Provincia più sicura d’Abruzzo, invece, quella Aquilana (83° posto in classifica) con una diminuzione dei reati rispetto al 2011 dello 0,4%. Nel 2012 ne sono stati denunciati 9.872 (3.311 ogni 100 mila abitanti).
LE PRIME 15
Precedono la provincia di Pescara (che si piazza al 15° posto): Milano (-2,3%); Rimini (+6,4%); Bologna (-2,6%); Torino (+1,8%); Roma (+3,7%), Genova (-3,5%); Firenze (+5,9%); Ravenna (-2,3%); Lucca (+8,8%); Prato (-3,2%); Savona (+2,4%); Livorno (+1,4%); Pisa (-1,5%); Parma (+4).
Le città più sicure sono invece Matera, Oristano, Belluno, Benevento, Enna, Avellino, Crotone, Sondrio, Potenza, Frosinone.