RIFIUTI

Provincia di Pescara, pioggia di milioni per il piano dei rifiuti

Nuovo impulso alla realizzazione di nuovi impianti

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2923

Guerino Testa

Guerino Testa




PESCARA. Cinque milioni di euro circa. E’ la somma che la Regione Abruzzo destinerà alla provincia di Pescara per l’attuazione dell’Obiettivo Rifiuti del Par Fas 2007-2013, «consentendo in questo modo l’attuazione del Piano provinciale dei rifiuti pubblicato sul Bura nel mese di dicembre».

 Lo specifica il presidente della Provincia Guerino Testa dopo l’annuncio, arrivato dall’assessore regionale Mauro Di Dalmazio, degli investimenti promossi sul territorio per migliorare ulteriormente il sistema Abruzzo, sul fronte dei rifiuti.                                                                                                                                                                       

«A gestire queste somme – spiega l’assessore all’Ambiente Mario Lattanzio – saranno i Comuni e il Consorzio Ambiente spa che dovranno occuparsi della realizzazione di tutti quegli impianti a servizio della filiera della raccolta differenziata che la Provincia ha previsto nel Piano rifiuti 2011-2015 e che riguardano diverse località del pescarese».
 L’assessore ricorda nel dettaglio le indicazioni programmatiche contenute nel Piano. A Popoli, Scafa, Tocco da Casauria, Spoltore, Montesilvano e Città Sant’Angelo sorgeranno dei centri di raccolta (per la realizzazione di ognuna di queste strutture le somme a disposizione saranno pari a 250mila euro circa).
«Conferendo i rifiuti ingombranti in uno di questi centri – prosegue Lattanzio – sarà utilizzata dai cittadini la eco-card che consentirà loro di accumulare punti per ottenere una riduzione della tariffa, al momento del calcolo. Le modalità, poi, saranno fissate dai singoli Comuni. A Lettomanoppello, invece, sorgerà un impianto di compostaggio sperimentale (la somma a disposizione è di circa 70mila euro) mentre ad Alanno, così come a Loreto Aprutino, ci saranno delle piattaforme ecologiche (quella di Alanno esiste già e per l’attivazione saranno messi a disposizione 184 mila euro mentre per Loreto le risorse ammontano a 400mila euro)».


 Una somma consistente, pari a due milioni e mezzo di euro, andrà a coprire  l’investimento per l’impianto di compostaggio previsto a Spoltore, che servirà l’intero territorio provinciale, mentre per ciascuno dei due centri di riuso (pianificati nei comuni con più di ventimila abitanti) saranno disponibili 100mila euro circa.
Testa e Lattanzio mettono in evidenza che «il primo step fondamentale per i 46 comuni del pescarese è stata la messa a punto e l’approvazione del Piano da parte della Provincia. E’ stato un punto di partenza determinante, di cui siamo molto soddisfatti così come è importante che ora si vada speditamente verso altri traguardi, in questo campo. Ma è fondamentale – concludono - che vengano rispettate le scadenze previste altrimenti si rischia la nomina di un commissario».