LAVORO IN CRISI

Lavoro: Arkema Gissi, la multinazionale americana licenzia 6 dipendenti

Sit in di protesta dei Cobas

Redazione Pdn

Reporter:

Redazione Pdn

Letture:

4778

Lavoro: Arkema Gissi, la multinazionale americana licenzia 6 dipendenti




GISSI. E’ di ieri la notizia dei sei licenziati dell’Arkema, l'azienda statunitense che produce resine nella zona industriale di Gissi, a pochi passi dallo stabilimento ex Golden Lady.
Sei dipendenti abruzzesi sono stati raggiunti da comunicazione di licenziamento per riduzione di personale («motivazioni di carattere tecnico-produttivo e organizzativo»), altre 11 comunicazioni simili dovrebbe raggiungere 11 lavoratori di Borreto (Reggio Emilia) dove la società ha un altro stabilimento e la sede amministrativa.
Agli ormai ex dipendenti verrà pagata l'indennità sostitutiva di preavviso. «Assurdo è che l’azienda denuncia un mancato accordo presso il Ministero delle Politiche Sociali e pertanto non può fare a meno di mettere alla porta i lavoratori di Gissi», protestano i Cobas che per oggi hanno organizzato un presidio davanti ai cancelli dell’azienda. I sindacati sostengono da mesi che l’azienda abbia i conti a posto e che non ci siano reali motivazioni per arrivare ai licenziamenti.
La società, che conta 13 mila dipendenti in tutto il mondo, «ha rifiutato la possibilità di attuare Contratti di Solidarietà», denuncia ancora il sindacato. «L’assurdità maggiore è il fatto che fra i dipendenti colpiti dal provvedimento ben quattro sono iscritti alla Confederazione Cobas e gli altri due non iscritti ad alcun sindacato. Davvero una strana coincidenza visto che in totale i dipendenti sono 63. Suona strano anche il fatto che il giorno dello sciopero e presidio dell' 8 maggio 2013 indetto da Cgil e Cisl (fortemente appoggiato dai Cobas che erano presenti al presidio), nessuno dei segretari territoriali di Cgil e Cisl fosse presente, strano anche che fra i sei licenziati non vi sia nessun iscritto a Cgil e Cisl.
Lo stabilimento venne inaugurato nel 1989 con la Ferri Chimica. Poi nel 1994 ci fu il passaggio alla Cray Valley del gruppo Total. Nell’estate del 2001 ci fu l'acquisizione da parte della multinazionale a stelle e strisce Arkema Coatings.