SCOMPARSA

Chieti. Ragazza sparisce da Villa Pini insieme a pregiudicato romano

L’appello disperato della mamma: «torna a casa»

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

8660

gessica consolmagno

Da StileTv




CHIETI. Una ragazza di 28 anni Jessica Consolmagno è sparita da lunedì scorso.
La giovane è originaria di Capaccio (Salerno) e da alcune settimane si trovava nella clinica Villa Pini di Chieti per una serie di cure riabilitative.
Come raccontano i quotidiani salernitani i genitori, che non riescono più a mettersi in contatto con lei, ne hanno denunciato la scomparsa alla questura teatina ed ai carabinieri di Capaccio Scalo.
La madre della giovane, Giuseppina, ha raccontato ai microfoni di StileTV che la figlia avrebbe lasciato la casa di cura, senza l’autorizzazione dei medici, il 3 giugno scorso intorno alle 23:00. Proprio quella sera i sanitari della clinica avrebbero allertato la signora segnalando la sparizione della figlia. E’ stata la mamma a riferire ai medici che Jessica stava frequentando da qualche tempo un altro malato, un 40enne pluripregiudicato romano, in regime di arresti domiciliari presso la clinica abruzzese.
I due sarebbero fuggiti insieme dopo aver rubato l’auto (una Ford Fiesta grigia del ’99) ed il portafogli con la patente di un altro paziente.
«Negli ultimi tempi Jessica», ha raccontato la mamma a Stile Tv, «cambiava spesso numero di cellulare, aveva manifestato la necessità di procurarsi un passaporto e, nell’ultima telefonata, avrebbe affermato di star bene e di trovarsi in Jugoslavia». Poi il silenzio.
Jessica è alta 1 metro e 73 cm circa, pesa 52kg, ha un fisco gracile provato dai suoi problemi di salute, i capelli biondo scuro a caschetto sulle spalle e gli occhi castani.
«Jessica ti prego, torna a casa», gli chiede la mamma, «lascia perdere qualsiasi strana idea, chiedi aiuto a qualche passante o rivolgiti subito ad un posto di polizia; chiedo a chiunque abbia visto mia figlia, invece, di avvisare le forze dell’ordine, anche perché, per stare bene, ha bisogno di assumere farmaci speciali».