INTERNET

Abruzzo/ E sul Web scoppia la guerra del “capoluogo”

Due domini troppo simili, scatta la denuncia

WhatsApp 328 3290550

Reporter:

WhatsApp 328 3290550

Letture:

2245

Abruzzo/ E sul Web scoppia la guerra del “capoluogo”



 
L’AQUILA. Un nuovo «motore di ricerca» aquilano verrà lanciato domani a L’Aquila.
 
Si tratta di «una banca dati con documenti, interviste, foto, racconti che diventano patrimonio di tutti», spiega l’ideatore Luca Di Giacomantonio, già direttore del quotidiano on line Abruzzo24ore. Il materiale del ‘vecchio’ quotidiano on line confluirà anche nel nuovo sito dove Di Giacomantonio riveste il ruolo di presidente dell’associazione culturale ‘Capoluogo.com’.
 L’avventura partirà dunque di venerdì 17: nessuna scaramanzia dei titolari nonostante sul progetto penda già una diffida formale.
Il “nuovo motore di ricerca”, come lo chiamano,  è  capoluogo.com e a protestare sono i titolari del quotidiano on line de L’Aquila “Ilcapoluogo.com” che esiste già dal 2004. Tra i due domini, dunque, c’è solo un articolo di differenza: ‘il’.
L’avvocato Fabrizio Lazzaro ha inviato una diffida chiedendo di annullare l’inaugurazione di domani. Ma nemmeno la raccomandata anticipata via posta certificata è bastata tanto che Di Giacomantonio assicura: «tutto resta invariato, nonostante la diffida».


Così domani alle 10, presso il palazzetto dei Nobili l’evento si terrà ugualmente e vi parteciperanno anche esponenti politici in quota Pd, dal sindaco Massimo Cialente, al senatore Giovanni Legnini (sottosegretario all'Editoria e all'Attuazione del Programma) ma anche il deputato-giornalista Corradino Mineo.
La guerra di domini, però, sembra destinata ad andare avanti e come avverte Roberta Galeotti, direttrice de Ilcapoluogo.com «eserciteremo ogni e qualsiasi azione nelle forme di legge verso coloro che apporteranno in qualsiasi modo eventuali danni di immagine materiali e morali alla nostra edizione».
L’avvocato del quotidiano on line nella diffida specifica che l’utilizzo del dominio capoluogo.com «è un vero e proprio atto di concorrenza sleale per confusione ed imitazione servile delle insegne de ilcapoluogo.com, poiché troppo simile è il nome a dominio e il lay out rappresentante i contorni di un’aquila con le ali spiegate in toni di verde».
La guerra dei capoluoghi, quelli amministrativi, che in Abruzzo da anni vede contrapporsi L’Aquila a Pescara, oggi si è trasferita sul web e si combatte a suon di click e mouse, il tutto nella città terremotata.